Agroalimentare

foto articolo newsageagro

Agivi al wine2wine: «Uno standard nazionale di sostenibilità, pratiche semplici e controllabili»


VERONA - «Come UIV stiamo lavorando con il ministero delle Politiche Agricole per arrivare a definire uno standard nazionale di sostenibilità che metta in condizioni tutte le aziende vitivinicole del Paese di accedere a pratiche sostenibili in maniera semplice, controllabile e, soprattutto, comunicabile al consumatore». Con queste parole Paolo Castelletti, segretario generale di Unione Italiana Vini, ha introdotto il workshop organizzato da AGIVI “La filiera della Sostenibilità, dal produttore al retailer. Riflessioni dalla prospettiva dei giovani produttori” che si è tenuto martedì 26 novembre in occasione della due giorni di wine2wine, il forum internazionale sul wine business che si è svolto il 25 e 26 novembre a Verona. Il mondo del vino di oggi richiama spesso alla sostenibilità, ma come evitare parole vuote di contenuto per dare invece sostanza concreta a questa tematica? Alla domanda hanno risposto con esempi concreti e virtuosi Marja Aho, responsabile del progetto di sostenibilità “Alko’s Green Choice” – Alko Monopolio Finlandese; Enrico Gobino, direttore Marketing e membro del Consiglio di Gestione di Mondodelvino SpA e il collega Luca Chiusano, responsabile Ricerca e Sviluppo di Mondodelvino SpA, moderati da Chiara Giannotti, responsabile della comunicazione di AGIVI.

 

FORMAZIONE Il diretto impatto economico del cambiamento climatico sul wine business ha contribuito a rendere urgente il rivolgere l’attenzione verso scelte ecologicamente sostenibili, per cui si è cercato di individuare una visione aziendale lungimirante che riuscisse ad abbracciare gli aspetti sociali della sostenibilità mantenendo la wine value-chain. «A noi giovani spetta il compito di individuare pratiche e strade che diventino perseguibili e applicabili, partendo dalla formazione di tecnici e professionisti del settore», ha sottolineato Federico Terenzi, presidente di AGIVI, all’apertura dei lavori.

 

IL PROGETTO Si è partiti dalla prospettiva della filiera più prossima al consumatore da parte di Marja Aho, responsabile del progetto di sostenibilità “Alko’s Green Choice” azienda che ha introdotto sei simboli Green Choice nelle marcature dei prodotti che parlano dell'impegno dei produttori di bevande nello sviluppo ambientale e sostenibile. Dopo un breve excursus dell’attuale quadro normativo, delle certificazioni volontarie e di cosa i produttori possono aspettarsi dalle istituzioni nell’imminente futuro da parte di Gobino, il collega Chiusano ha presentato il Progetto condotto in collaborazione con “Eco-innovazione” sull’implementazione del modello dati di Mondodelvino Spa. Un modello in grado di calcolare, con standard internazionalmente riconosciuti, sia l’impatto ambientale dell’organizzazione sia l’impatto ambientale dei prodotti.

 

(sopra, foto gisimage; sotto, i relatori del convegno)


27 novembre 2019
Articoli correlati

Vino, marchio Franciacorta collabora con Furla

Il Franciacorta conferma il proprio rapporto con il mondo della moda e dell'arte...

Piemonte, Florovivaismo in netto calo a causa del caro gasolio

La crisi non risparmia il settore del florovivaismo, che in Italia copre il 6% della...

Zootecnia: ora si munge anche con una telecamera in 3-D; il digitale entra nelle stalle

Ora si munge anche utilizzando una camera in 3-D. Tecnologicamente unica per la ricerca...

Per TuttoFood aiuti alle imprese dalle camere di commercio: stand e contatti con estero

Benefit vari, per un valore complessivo di 5000 euro, che vanno dalla formazione...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Piacenza
Biostimolanti, incontro a Confagricoltura Piacenza: potenzialità e applicazioni
foto articolo newsageagro
Bari
Oli e vini del Meridione, aperte le iscrizioni a Radici del Sud
foto articolo newsageagro
Rimini
Macfrut 2020, tour guidati sui biostimolanti per garantire difese alle produzioni
foto articolo newsageagro
Brescia
La nutrizione ela gestione della riproduzione nel suino, convegno a Brescia

Seguici su Facebook