Agricoltura

foto articolo newsageagro

Anticipo della Pac, la Lombardia stanzia 250 milioni per le imprese agricole


MILANO - L'anticipo della Pac, in Lombardia, è finalmente realtà già dal 2019. La Giunta regionale ha, infatti, approvato uno stanziamento per un massimo di 250 milioni di euro alle imprese agricole, erogato sotto forma di prestito, per anticipare i finanziamenti che le imprese ricevono nell'ambito della Politica Agricola Comune. La Regione Lombardia erogherà a luglio una quota pari al 50% delle risorse che, in base alla normativa comunitaria, le imprese ricevono a partire dal mese di novembre. «L'avevamo promesso - ha detto l'assessore regionale all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi - e, in pochi mesi, siamo riusciti a raggiungere questo obiettivo. Ringrazio il Governo italiano per aver permesso nuovamente, con una modifica ai principi contabili, alle Regioni virtuose come la Lombardia di aiutare decine di migliaia di imprese agricole».

 

BUONA PRATICA «È una buona pratica che la Regione Lombardia aveva adottato fino al 2014 - ha aggiunto Rolfi - quando il precedente Governo aveva poi cambiato le norme, rendendo impossibile l'anticipo della Pac. Nel 2014 i beneficiari dell'anticipo in Lombardia sono stati 30.416, per un valore complessivo di 310 milioni di euro. Da anni eravamo bloccati da una norma ingiusta  che penalizzava le Regioni virtuose e non consentiva di aiutare gli agricoltori lombardi, pur avendone le risorse».

 

COLDIRETTI «Grazie al presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana e all’Assessore regionale all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi per aver manutenuto una promessa fatta in campagna elettorale, a dimostrazione che con la volontà politica e l’impegno i risultati si possono raggiungere». Così la Coldiretti regionale commenta lo stanziamento per il 2019 da parte di Regione Lombardia di 250 milioni di euro alle imprese agricole per anticipare i finanziamenti della PAC. Una scelta importante - spiega Coldiretti Lombardia - per le oltre 30 mila imprese lombarde coinvolte dal provvedimento, che rappresenta una misura strategica e un aiuto concreto per le difficoltà economiche e gestionali che le aziende agricole devono affrontare».

 

CONFAGRICOLTURA «Da molto tempo l’assessorato all’agricoltura lombardo era rimasto impossibilitato ad aiutare il comparto agricolo - ha specificato il presidente di Confagricoltura Lombardia, Antonio Boselli - e grazie all’intervento di Rolfi oggi sarà di nuovo possibile evitare una frettolosa collocazione dei cereali provenienti dalle grandi raccolte, potendo scegliere il momento più adatto sulla base dell’andamento dei mercati. Ringraziamo quindi il presidente Fontana e la giunta regionale - conclude Boselli - per l’attenzione dimostrata nei confronti del settore primario attraverso la decisione di un anticipo Pac nel 2019 fino ad un massimo di 250 milioni di euro».


05 febbraio 2019
Articoli correlati

Veneto, servono forti tagli alla burocrazia per rilanciare l'agricoltura

Sburocratizzare l'agricoltura, è l'impegno che il presidente della IV commissione...

Veneto, successo di Avepa l'agenzia per i pagamenti a "km 0"

 E' sempre più a km zero il servizio svolto da Avepa,...

Piemonte, varato il calendario venatorio della prossima stagione

E' stato adottato, su proposta dell'assessore regionale del Piemonte, Claudio Sacchetto,...

Piemonte, progetto turistico con la Svizzera per rifugi e bivacchi alpini

Fare il punto sulla ricettività escursionistica d'alta quota, oggi più che mai al bivio...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Rimini
L'irrigazione del futuro a Macfrut nel nome del risparmio dell'acqua
foto articolo newsageagro
Piacenza
Vini, nel borgo medievale piacentino il 27 e 28 aprile si celebra il Monterosso Doc
foto articolo newsageagro
Bologna
Pensioni, sanità e aree rurali, pensionati Cia in assemblea a Bologna il 16 aprile
foto articolo newsageagro
Bologna
Convegno sulla razza Romagnola: rilancio della carne e rapporto tra allevatori e consumatori

Seguici su Facebook