Agroalimentare

foto articolo newsageagro

Assitol, con i dazi Usa sull'export le aziende olearie perderebbero il 50% del fatturato


ROMA - «Se gli Stati Uniti imponessero i dazi sui nostri prodotti - secondo le stime di ASSITOL - i fatturati delle aziende del settore vedrebbero calare i loro fatturati di oltre il 50%, con un contraccolpo pesante anche per l’indotto. Le esportazioni di extra, solo nel 2018, hanno creato valore per quasi 400 milioni di dollari.


«La definizione di una seconda lista di prodotti da tassare, decisa dall’amministrazione statunitense come rappresaglia contro la UE nella controversia delle sovvenzioni per Airbus, è da considerarsi - afferma l’Associazione Italiana dell’Industria Olearia - un segnale assai preoccupante. In questo elenco, figura infatti anche l’olio extra vergine in bottiglia, di cui l’Italia è, insieme alla Spagna, uno dei primi esportatori in America, da sempre il più importante acquirente di oli d’oliva».

 

VENDITE DIFFICILI «Se l’USTR, l’Ufficio per il commercio estero di Washington, attuasse queste prime indicazioni, imponendo una tassazione ad hoc - spiega Anna Cane, presidente del Gruppo olio d’oliva di ASSITOL - l’intera filiera, a partire dall’olivicoltura, subirebbe danni gravissimi». Con un dazio sul 100% del prodotto, infatti, il prezzo dell’extra vergine crescerebbe di almeno il doppio, rendendolo insostenibile per il consumatore americano e inducendo così i buyers americani a cercare altrove l’olio d’oliva, oppure ad individuare oli alternativi.


LE CONSEGUENZE Buona parte dell’olio extra vergine in bottiglia presente nei supermercati statunitensi è importato dall’Italia. «Venendo meno il flusso europeo, che garantisce agli Stati Uniti l’80% dell’olio confezionato, si farà spazio - continua Cane - ai prodotti dei nostri competitors, in particolare tra i nostri concorrenti del Nord-Africa, come Tunisia e Marocco. Anche ammesso che, in seguito, i dazi siano cancellati, sarà difficilissimo riconquistare il mercato perduto». In sintesi, le conseguenze dei prezzi alti e del mancato approvvigionamento in Italia causeranno «il taglio drastico del nostro export di oltre 50% e, al tempo stesso, la riduzione del fatturato delle aziende». L’industria italiana, che negli ultimi decenni ha fatto conoscere a livello mondiale l’olio extra vergine, vende fuori dai confini circa il 60% delle sue produzioni, con un indotto importante nel packaging e nella logistica, che risentirebbero anch’essi di un duro contraccolpo. «Con il calo repentino delle esportazioni - aggiunge Anna Cane - tutto questo verrebbe messo in seria difficoltà».

 

EXPORT DI 400 MILIONI Il contraccolpo dei dazi, tuttavia, non sarebbe circoscritto al comparto oleario. L’export di olio d’oliva rappresenta una voce importante della nostra bilancia commerciale e, in generale, della nostra economia. «Nel 2018, secondo i nostri dati, l’export di olio d’oliva negli Stati Uniti si è attestato sulle 94mila tonnellate. Il solo extra vergine, che rappresenta il 66% di questo flusso, ha fruttato all’Italia quasi 400 milioni di dollari. L’agroalimentare - sottolinea Cane - è una delle poche voci ancora vivaci del nostro sistema economico e il venir meno di questa fonte di reddito potrebbe avere una ricaduta molto pesante per il sistema Paese».

 

L'ITALIA PRENDA POSIZIONE Per queste ragioni, ASSITOL chiede alle istituzioni di intervenire. «Abbiamo già scritto, sia tramite Fedolive, la nostra confederazione europea del settore, sia come Associazione, alle autorità competenti - conclude il presidente di Assitol - ma quello che occorre è una seria presa di posizione dell’Italia, per scongiurare i possibili effetti dei dazi, prevenendone l’entrata in vigore».


11 luglio 2019
Articoli correlati

Lombardia, ripartono le esportazioni che fanno registrare +7% Lodi e Pavia in vetta con +10%

La crisi non ferma le esportazioni lombarde, che si riportano su ritmi di crescita...

Rimini, Sipo lancia un brand di insalate bio per i mercati esteri

 Una linea di insalate biologiche con un nuovo brand per i...

Ortaggi, erbe e insalate biologiche: nuova linea Sipo per i mercati esteri

Dopo il lancio lo scorso anno delle spremute di frutta fresca SI...

Confai: Grana e Parmigiano uniti, una rete che promuova le grandi Dop per export e contro falsi

MANTOVA - «Ritengo sia giunto il momento che i due consorzi di tutela del Grana...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Bari
Summerwine 2019, le Donne del vino di Puglia fanno scoprire i vitigni autoctoni
foto articolo newsageagro
Forlì
Asparagus days in Francia, aperte le iscrizioni per la fiera del 29-30 ottobre
foto articolo newsageagro
Cremona
Dal biogas al biometano, workshop il 10 luglio alle Fiere di Cremona
foto articolo newsageagro
Piacenza
Piacenza, i Georgofili alla Cattolica per conoscere le produzioni lattiero-casearie

Seguici su Facebook