Enogastronomia

foto articolo newsageagro

Brut Rosé Mirabella, il primo Franciacorta nell'Olimpo di Wine Spectator


BRESCIA – Il Brut Rosé di Mirabella è il primo Franciacorta della storia a entrare nella classifica Top 100 stilata dalla rivista americana Wine Spectator. Mai nessun Metodo Classico lombardo era riuscito a salire così in alto in quella che è ritenuta la selezione più influente del mondo del vino, posizionandosi al 68simo posto con 92 punti. Inoltre il Brut Rosé, tra i 21 vini della Penisola presenti, è l’unica bollicina. Per stilare la classifica i redattori di Wine Spectator hanno esaminato i vini recensiti negli ultimi 12 mesi, selezionando i 100 che si sono distinti per qualità, valore, distribuzione nel mercato statunitense ed emozioni suscitate. Dalla classifica 2020 emerge che i due terzi dei vini scelti arrivano dalla Francia, dalla California e dall’Italia.
Il Rosé premiato è una cuvée composta da 45% chardonnay, 45% pinot nero e 10% pinot bianco, che l’Azienda di Rodengo Saiano produce fin dagli anni '80. Le tre varietà sono raccolte a mano in epoche differenti a seconda della maturazione, per ultimo il pinot nero al fine di conferire profumi più complessi ed eleganza nel colore. I tre vitigni vengono poi lavorati separatamente, con 18-24 ore di contatto con le bucce per la varietà rossa che fermenta a 25-28 °C.


 

Il vino premiato da Wine Spectator è un senza annata con periodo di affinamento in bottiglia di 48 mesi. Il colore è un rosa cipria, il profumo è ricco e ampio con sensazioni tipiche di lievito a cui si sommano frutti di bosco e sfumature vanigliate. Il sapore è armonico e di grande morbidezza. «Questo riconoscimento ci riempie di orgoglio – sottolinea Alessandro Schiavi, enologo e co-titolare dell’azienda – Con il nostro Rosé la Franciacorta arriva finalmente ad essere rappresentata nella selezione di Wine Spectator, a riprova del grande potenziale che la denominazione riveste in ambito internazionale e in cui noi crediamo fermamente». L’azienda Mirabella destina all’estero circa il 30% della produzione, principalmente Germania, Svizzera, Belgio, Olanda, Danimarca, Lettonia, Repubblica Ceca per quel che riguarda l’Europa, Ucraina, Cina, Giappone, Australia, Nuova Zelanda, USA, Messico e Brasile fuori Continente. Di questo 30%, il Rosé rappresenta all’incirca un terzo dell’esportato, con picchi di vendita in Germania e Stati Uniti.


25 novembre 2019
Articoli correlati

Venezia Chef conquista due ori e un bronzo agli Internazionali d'Italia

Due medaglie d'oro e uno storico bronzo «in rosa» per il Team Venezia Chef agli...

Le eccellenze enogastronomiche piacentine in una App del giornalista Massobrio

Il Golosario Piacentino, la nuova app gratuita firmata dal giornalista, critico...

"Torino incontra la Francia", lezioni di cucina e specialità della Savoia

La prima edizione di "Torino incontra" è dedicata alla Francia, Paese con cui Torino...

Veneto, l'asparago di Bassano celebrato in una rassegna fino al 24 maggio

E' una delle due "dop" di tutta Europa, con...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Piacenza
Biostimolanti, incontro a Confagricoltura Piacenza: potenzialità e applicazioni
foto articolo newsageagro
Bari
Oli e vini del Meridione, aperte le iscrizioni a Radici del Sud
foto articolo newsageagro
Rimini
Macfrut 2020, tour guidati sui biostimolanti per garantire difese alle produzioni
foto articolo newsageagro
Brescia
La nutrizione ela gestione della riproduzione nel suino, convegno a Brescia

Seguici su Facebook