Agroalimentare

foto articolo newsageagro

Carabinieri tutela agroalimentare: nuovi blitz, false etichette e un allevamento abusivo


ROMA - Frodi in commercio, etichette tarocche, ingredienti indicati ma non contenuti nei prodotti, un allevamento abusivo. E ancora sequestri e sanzioni amministrative per oltre 75.000 euro. E' il bilancio dell'attività dei Rac (Reparti Carabinieri Tutela Agroalimentare), con i Carabinieri dei Nuclei Ispettorato del Lavoro e con l’Arma territoriale, delle ultime settimane che ha portato alla verifica di oltre 60 fra aziende agricole, vinicole, esercizi commerciali, pastifici, mulini, salumifici, prosciuttifici, caseifici e venditori ambulanti.

 

Nord Italia: sono state denunciate due persone per frode in commercio  poiché ponevano in vendita merce avente origine diversa da quella indicata in etichetta e con marchi ingannevoli sull’origine del prodotto (artt.515 e 517 c.p.). Una delle due si rendeva responsabile anche di violazione di sigilli (art.349 c.p.) in quanto metteva in commercio materiale sottoposto a sequestro ed affidatogli in custodia giudiziale. Sequestrate 414 confezioni di pesto, patè e salse di vario genere. Riscontrate irregolarità amministrative riconducibili alla mancanza d’informazioni nell’etichettatura e contestualmente diffidate due persone per errata etichettatura; 

 

Campania: sono stati sequestrati 640 kg di ortofrutta, 30 kg di prodotti ittici e 120 kg di salumi poiché non era possibile risalire alla provenienza dei prodotti, risultando quindi poco sicuri per la commercializzazione. E’ stato individuato, nel salernitano, un allevamento abusivo sottoposto a sequestro poiché privo dei requisiti di legge e con 30 capi (bovini, caprini e avicoli) non tracciati. E’ stata sospesa un’attività imprenditoriale vinicola nel beneventano.

 

Calabria e Sicilia: è stata denunciata una persona per frode in commercio  poiché riportava in etichetta ingredienti non utilizzati nella preparazione dei prodotti (artt.515 e 517 bis c.p.) e sono state sequestrate 2.880 confezioni di biscotti, pari a 300 kg. Inoltre, nel corso dei controlli, sono stati sottoposti a sequestro 2.000 kg di farina di grano duro, 339 kg di carne per insaccati, 250 kg di ortofrutta e 29 kg di formaggio, riscontrate violazioni amministrative per mancanza o incompleta presenza delle informazioni obbligatorie previste e sulla rintracciabilità.

 

Nel corso del 2018, l’attività preventiva del Comando Carabinieri per la Tutela Agroalimentare,  a garanzia  della sicurezza nelle filiere agroalimentari (dalla materia prima al prodotto finito),  ha portato sinora al sequestro di oltre 374 tonnellate di prodotti agroalimentari  e sanzioni per oltre 775mila euro.


10 ottobre 2018
Articoli correlati

Bergamo, a GourmArte in tavola anche i vini della Valtellina e della Franciacorta

Lo storico capitano dell'Inter Zanetti nella squadra degli ambasciatori di Expo

Osservatorio Agri&Food: calo produzione Parmigiano e soluzioni post quote latte

 CREMONA - E' stato pubblicato...

Brescia, da San Valentino in commercio il primo Chiaretto del Consorzio Valtènesi

BRESCIA - Il 2015 del Consorzio Valtènesi comincia sotto il segno del...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Verona
Consulenze fiscali per maneggi e agriturismi, il debutto dello studio Ferrajoli a Fieracavalli
foto articolo newsageagro
Pordenone
Friuli Venezia-Giulia, Zannier: «Con sovrapproduzioni eccellenze a rischio»
foto articolo newsageagro
Milano
Gli assessori di Lombardia e Emilia-Romagna: «Azione comune contro il bracconaggio nel Po»
foto articolo newsageagro
Piacenza
Piacenza, il 21 ottobre torna in Alta Val Tidone la sagra del tartufo nero

Seguici su Facebook