Agroalimentare

foto articolo newsageagro

Cia Ferrara a consumatori e Gdo: «Acquistate i prodotti danneggiati dal maltempo»


FERRARA - Acquistare e consumare i prodotti danneggiati dal maltempo. Il maltempo del 2 agosto ha ulteriormente compromesso le principali produzioni agricole del territorio in fase di maturazione, in molti casi spazzate via dal forte vento che ha toccato punte di 155 km/h a Mesola. Prodotti danneggiati ma ancora buoni che, se raccolti immediatamente e immessi sul mercato, potrebbero essere tranquillamente consumati, anziché diventare uno scarto. Cia – Agricoltori Italiani Ferrara fa un appello alle principali catene della Grande Distribuzione e ai consumatori: mettete in vendita e acquistate i prodotti danneggiati.

 

«Non si può buttare cibo maturo, in molti casi appena segnato, solo perché la filiera non vuole commercializzarlo» commenta Stefano Calderoni, presidente di Cia – Agricoltori Italiani Ferrara. «Si tratta di un atto che va, innanzitutto, contro i principi fondamentali dello spreco alimentare e poi, naturalmente, si tratta di un ulteriore danno alle aziende agricole che, come sappiamo, quest’anno hanno già i conti in rosso. Quel poco che rimaneva, infatti, è letteralmente da buttare, ma solo perché il nostro sistema di distribuzione e le modalità di consumo rendono difficile, se non impossibile, portarli sulle tavole. Quindi vorrei - continua Calderoni - fare un appello alla Grande distribuzione perché, in casi di grave difficoltà come questo, con i suoi “fornitori” allo stremo, riesca a creare nei punti vendita uno spazio per accogliere questi prodotti che vanno naturalmente venduti a brevissimo giro. Si potrebbe creare un canale diretto di conferimento, anche in accordo con le diverse cooperative e Op del territorio, per organizzare la logistica distributiva. Poi, naturalmente, chiedo ai consumatori: non comprate solo con gli occhi! Un prodotto non perfetto, magari ammaccato, se consumato subito conserva tutte le caratteristiche organolettiche ed è altrettanto buono rispetto a quello privo di difetti evidenti».

 

«Io non credo - conclude Calderoni - che il default del sistema agricolo possa rimanere un problema dei produttori, gli unici a non veder riconosciuto veramente il loro valore e ad affrontare da soli le crisi climatiche e di mercato. Credo, invece, che serva una sorta di “Patto di sostegno” nei momenti particolarmente gravi come questo, perché una filiera di qualità non è autosufficiente senza il primo anello. Certo, chi commercializza e vende può scegliere di acquistare all’estero, ma questo sarebbe la fine del nostro modo di coltivare, fatto di attenzione ai disciplinari e alla sostenibilità, e nessuno può volere davvero che la nostra agricoltura finisca perché non si è in grado di fare un passo indietro e collaborare in maniera meno speculativa ma più etica».


03 agosto 2019
Articoli correlati

Bergamo, a GourmArte in tavola anche i vini della Valtellina e della Franciacorta

Lo storico capitano dell'Inter Zanetti nella squadra degli ambasciatori di Expo

Osservatorio Agri&Food: calo produzione Parmigiano e soluzioni post quote latte

 CREMONA - E' stato pubblicato...

Brescia, da San Valentino in commercio il primo Chiaretto del Consorzio Valtènesi

BRESCIA - Il 2015 del Consorzio Valtènesi comincia sotto il segno del...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Piacenza
Parte il Valtidone Wine Fest, un mese con i vini piacentini: fare squadra per valorizzare cantine e territorio
foto articolo newsageagro
Brescia
Brescia, tre serate sul Garda con i vini rosé e rossi della Valtènesi
foto articolo newsageagro
Bari
Bari, Agrilevante: riflettori sulla bioeconomia e le filiere innovative
foto articolo newsageagro
Piacenza
Piacenza, a settembre il Valtidone Wine Fest: in festa i vini locali e la malvasia di Leonardo

Seguici su Facebook