Agricoltura

foto articolo newsageagro

Cooperativa Terremerse, bilancio consolidato a 167 milioni frutto di una gestione differenziata


RAVENNA - «Il risultato economico, pari a un utile netto di 216 mila euro, è stato frutto di differenti dinamiche gestionali tra i settori di attività della Cooperativa. Il fatturato della sola Terremerse si attesta a 143 milioni di euro, mentre quello del bilancio consolidato a circa 167 milioni», così Emilio Sabatini, direttore generale di Terremerse, sintetizza i risultati ottenuti nel 2018.

 

«Lo scenario in cui si è svolta l’attività - afferma una nota - è stato caratterizzato da una prima parte dell’anno problematica dal punto di vista agronomico a causa delle abbondanti precipitazioni che hanno arrecato un ritardo generale di campagna. Ciò ha determinato per Terremerse una riduzione delle quantità di prodotto raccolto nel comparto ortofrutticolo, compreso il pomodoro da industria, mentre è stata buona la campagna di raccolta per il settore cerealproteico. Le vendite di agroforniture hanno subito un iniziale rallentamento, compensato da un’importante ripresa a partire dal mese di aprile».

 

Il bilancio è naturalmente specchio delle condizioni di mercato e di campagna, ma anche frutto di scelte imprenditoriali e strategiche dell’azienda. Il 2018 rappresenta un punto di “rottura” rispetto al passato, poiché in conseguenza della cessione del ramo di azienda dell’ortofrutta fresca e delle strutture collegate, Terremerse dal 2019 pone al centro della propria strategia le colture annuali (cerealproteici e orticole industriali, che costituiscono il settore grandi colture), nell’integrazione con il settore agroforniture. «Le scelte di espansione territoriale, infatti, già dal 2018, sono orientate verso areali e strutture - si legge ancora nel comunicato di Terremerse - che consentano l’ottimizzazione del percorso strategico che la Cooperativa ha imboccato. Tale cambiamento troverà il proprio riscontro già dai numeri di bilancio 2019, sia a livello economico sia patrimoniale. La struttura finanziaria dell’azienda, infatti, sta cambiando: a fronte del disinvestimento collegato all’operazione del ramo frutta fresca, è necessario investire sulle maggiori necessità di capitale circolante per finanziare la crescita delle agroforniture e del settore grandi colture».

 

AGROFORNITURE Tornando nello specifico degli andamenti dei settori, nel 2018 le agroforniture, nonostante le citate difficoltà dei primi mesi, hanno fatto registrare un fatturato di oltre 73 milioni di euro, incrementando di 1,7 milioni quello del 2017. Sulla continua crescita di questo settore incide l’ingresso in nuovi territori, sud Romagna e Marche, oltre al consolidamento della quota di mercato sugli areali tradizionali. La controllata Agriservice 2016 Srl, situata in provincia di Verona e specializzata nella vendita dei mezzi tecnici, ha concluso il 2018 con un fatturato in crescita che si è attestato a circa 14 milioni. Anche nell’area Veneto sono in itinere progetti di espansione in questo settore. Complessivamente il fatturato consolidato delle agroforniture si attesta a circa 85 milioni di euro.

CEREALPROTEICO Per il settore cerealproteico il 2018 è stato un anno particolare, certamente non premiante dal punto di vista della marginalità. Al tempo stesso la buona campagna di raccolta, circa 20 tonnellate in più del 2017, se da un lato non si è tradotta in maggiori vendite, dall’altro ha costretto la Cooperativa a sostenere i costi di gestione e logistica per tali maggiori quantitativi. Per il 2019 i maggiori quantitativi 2018 non commercializzati nell’anno determineranno maggiori opportunità di margine e un flusso incrementale di cassa.

 

ORTOFRUTTA Nel settore ortofrutticolo, l’ultimo con il prodotto fresco, la maggior perdita rispetto al 2017 è determinata dalle minori quantità di prodotto ritirate e conferite, oltre a 150 mila tonnellate in meno di pomodoro venduto all’industria attraverso la OP Pempacorer. Per il 2019 è previsto un recupero integrale della perdita e un reddito operativo in pareggio.

 

CARNE Il settore delle carni esprime un fatturato di circa 22 milioni di euro e un recupero di margine rispetto al precedente esercizio per circa 600 mila euro. Tale ottimo risultato è stato reso possibile in primo luogo grazie all’aver ottenuto un miglioramento dei listini di vendita su un'importante fetta di mercato, a fronte dell’incremento costante dei costi di produzione. Inoltre, la sempre maggiore specializzazione su linee di produzione innovative (elaborati e Pronti da Cuocere), ha permesso di incrementare le quantità vendute di questa categoria di prodotti. Da ultimo, la crescita del fatturato è stata facilitata dall’ingresso in alcune grandi catene di distribuzione.

 

«Sono diversi gli elementi che fanno percepire Terremerse come “nuova” e differente rispetto al passato: il focus sulle colture estensive annuali, il costante sviluppo delle agroforniture più coerente e collegato alla parte agricola, l’impulso a una nuova progettualità dato dal rafforzamento dell’ufficio Ricerca e Sviluppo e i risultati tangibili ottenuti in termini innovativi dal marketing e dalla ricerca nel settore carni. Questa nuova dimensione - evidenziano il Presidente Marco Casalini e il direttore Sabatini - è accompagnata, così come è logico e naturale, da un cambiamento organizzativo che investe tutta l’azienda, non solo nel modello ma anche e soprattutto nella “combinazione” delle persone, anche come conseguenza del fisiologico ricambio generazionale che sta vivendo la Cooperativa. Tutto ciò, nonostante quanto descritto imponga quantità e qualità di lavoro supplementari a tutti i livelli, determina un “clima” aziendale pieno di aspettative positive e una diffusa fiducia nelle opportunità future».

 

(sotto, Sabatini mentre illustra il bilancio)


04 luglio 2019
Articoli correlati

Vino, marchio Franciacorta collabora con Furla

Il Franciacorta conferma il proprio rapporto con il mondo della moda e dell'arte...

Piemonte, Florovivaismo in netto calo a causa del caro gasolio

La crisi non risparmia il settore del florovivaismo, che in Italia copre il 6% della...

Zootecnia: ora si munge anche con una telecamera in 3-D; il digitale entra nelle stalle

Ora si munge anche utilizzando una camera in 3-D. Tecnologicamente unica per la ricerca...

Per TuttoFood aiuti alle imprese dalle camere di commercio: stand e contatti con estero

Benefit vari, per un valore complessivo di 5000 euro, che vanno dalla formazione...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Bari
Summerwine 2019, le Donne del vino di Puglia fanno scoprire i vitigni autoctoni
foto articolo newsageagro
Forlì
Asparagus days in Francia, aperte le iscrizioni per la fiera del 29-30 ottobre
foto articolo newsageagro
Cremona
Dal biogas al biometano, workshop il 10 luglio alle Fiere di Cremona
foto articolo newsageagro
Piacenza
Piacenza, i Georgofili alla Cattolica per conoscere le produzioni lattiero-casearie

Seguici su Facebook