Agricoltura

foto articolo newsageagro

Emilia Romagna, anticipi Pac: oltre 241 milioni a 41mila aziende


BOLOGNA - Oltre 241 milioni di euro per più di 56mila domande, a beneficio di oltre 41mila aziende agricole da Piacenza a Rimini. A tanto ammontano le risorse pagate dal 16 ottobre al 30 novembre da Agrea, l’Agenzia regionale per le erogazioni in agricoltura, come “anticipi” previsti dalla Politica agricola comune europea (Pac). Una preziosa iniezione di liquidità all’inizio della nuova annata agraria, parte importante dei circa 650 milioni di euro che annualmente Agrea eroga agli agricoltori emiliano-romagnoli.

 

Nel corso dell’annualità finanziaria 2019, chiusa il 15 ottobre scorso, Agrea ha erogato 653 milioni di euro per oltre 177 mila mandati di pagamento. Un importo che fa salire a circa 3 miliardi di euro le risorse pagate nell’arco della legislatura al mondo agricolo considerando i diversi canali di finanziamenti (Domanda Unica, Ocm, Psr).

 

SISTEMA EFFICIENTE La conferma di un impegno che fa dell’Emilia-Romagna una delle regioni con le migliori performance, in anticipo di circa 6 mesi rispetto agli obiettivi fissati dalla stessa Unione europea per il disimpegno di fine 2020 sui fondi dello sviluppo rurale. Un sistema di aiuti sempre più efficiente, che in questi anni si interfaccia con la rivoluzione digitale della domanda grafica,una nuova modalità prescritta dall’Unione europea basata sull’utilizzo di foto aeree o satellitari per il riscontro delle dichiarazioni aziendali, che permette di ridurre i sopralluoghi con un risparmio di costi e tempi sia per la Regione che per i produttori. Introdotta nel 2017, nel 2019 la domanda grafica ha interessato la totalità delle Domande uniche della Pac e oltre il 75% delle richieste di contributo del Psr, con l’obiettivo di arrivare al 100% entro il 2020. Un impegno sostenuto anche da uno stanziamento da parte della Regione di 1,85 milioni di euro all’anno, dal 2019 al 2021, per il potenziamento dei sistemi informativi.

 

LE RISORSE «Quello che qualcuno chiama burocrazia è in realtà un sistema di pagamento tra i più efficienti d’Italia, che riesce a garantire ottime prestazioni, nonostante la grande mole di lavoro e i doverosi controlli a garanzia delle aziende agricole innanzi tutto, ma anche dei contribuenti - spiega l’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli - lo dimostra il fatto che non solo abbiamo completato nei tempi previsti i pagamenti degli anticipi 2019, ma stiamo completando quelli delle domande 2018 per le misure a superficie, oggettivamente difficoltose per il cambio del sistema e dove rispetto al resto delle Regioni italiane siamo a livelli di pagamento decisamente più avanzati. Finanziamenti importanti per un’agricoltura leader in Italia e all’estero e che rappresentano un volano di sviluppo e crescita per il nostro territorio. Solo con il Psr parliamo di 930 milioni di contributi già concessi, di cui 563 milioni già nelle casse dei beneficiari, che mobilitano sul territorio investimenti per 1,4 milioni. E con l’ultima modifica al Psr, approvata in questi giorni dalla Giunta e notificata alla Commissione Ue, mettiamo a disposizione ulteriori 2 milioni di risorse regionali rivolte in particolare ai giovani».

 

SALDI 2018 Oltre ad erogare entro il 30 novembre gli anticipi relativi alla Domanda unica e alle misure a superficie del Programma di sviluppo rurale per tutte le domande che ne avevano i requisiti - anticipi  che Bruxelles su richiesta degli Stati membri, ha elevato anche per il 2019 alla percentuale del 70% e dell’85% dell’intero importo - si sta ultimando il pagamento dei saldi per le domande 2018 relative alle misure a superficie del Psr:  Agrea ha pagato l’88% dei contributi, per un importo di oltre 70 su 80 milioni di euro, pari al 95% delle domande.

 

DIFFORMITA' Le poco più di mille aziende su 20.300, che ancora non hanno ricevuto un pagamento, presentano situazioni di difformità che richiedono da parte della Regione un’ulteriore istruttoria, per garantire un trasparente e corretto uso delle risorse pubbliche ed evitare che le aziende possano vedersi costrette a restituire le risorse ricevute. «Anche in questo caso - spiega però Caselli - la Regione è al fianco degli agricoltori per sostenerli e accompagnarli, lavorando in sinergia con i Centri di assistenza agricola che ne sono referenti, oltre che parte attiva ed impegnata alla risoluzione delle problematiche delle singole domande».

 

RIPARTIZIONE PROVINCIALE Per quanto riguarda la distribuzione territoriale degli anticipi, l’importo più elevato è andato alla provincia di Ferrara (oltre 44,2 milioni di euro e 5.059 beneficiari), seguita in ordine di grandezza da Bologna (quasi 36,7 milioni e 6.478 beneficiari), Piacenza (quasi 30,6 milioni e 3.554 beneficiari), Parma (oltre 27,2 milioni e 4.454 beneficiari), Modena (quasi 27 milioni e 5.797 beneficiari),  Ravenna (23,5 milioni e 5.200 beneficiari), Reggio Emilia (quasi 22 milioni e 4.419 beneficiari), Forlì-Cesena (quasi 15 milioni e 4.265 beneficiari) e Rimini (7,1 milioni e 1.810 beneficiari).  

 

PAGAMENTI 2019 Oltre 650 milioni di euro per oltre 177 mila mandati di pagamento. A tanto ammontano le risorse di cui hanno potuto beneficiare le aziende agricole emiliano-romagnole per l’annualità finanziaria 2019, considerando i Pagamenti diretti della Pac, il Programma regionale di sviluppo rurale, l’Ocm ortofrutta e vitivinicolo. 

In particolare, per i pagamenti diretti, la cosiddetta Domanda unica, sono stati erogati 335 milioni di euro attraverso 135.608 atti di pagamento. Per il Psr i contributi erogati nell’annualità 2019 sono stati 216 milioni di euro, con 39.240 mandati di pagamento. Mentre all’Ocm ortofrutta e al vitivinicolo sono andati altri 96,5 milioni di euro. In tutto le aziende agricole beneficiarie di almeno un pagamento sono state 44.746

 

IL PUNTO SUL PSR Per quanto riguarda il Psr ammontano a oltre 1,1 miliardi di euro le risorse già a messe a bando a settembre 2019, il 98% delle risorse stanziate a inizio programmazione pari a 1,174 miliardi di euro. I contributi già concessi alle aziende agricole sono 930 milioni di euro, il 76% del totale, ehanno consentito di avviare nelle aziende agricole e di trasformazione progetti e investimenti per un valore complessivo di oltre 1,4 miliardi.


03 dicembre 2019
Articoli correlati

Agricoltura modenese in calo del 4,7%, colpa del terremoto e della siccità

Anche l'agricoltura modenese chiude il 2012 in negativo. La perdita è del 4,7% rispetto al...

Sicurezza sul lavoro, Confapi all'Inail: nonostante la crisi la situazione migliora

Si è parlato di sicurezza sul lavoro nell'incontro tra Confapi Emilia Romagna e la...

Danni da predatori, approvati i criteri per l'erogazione dei contributi

"Misure e criteri di erogazione dei contributi da destinare agli allevatori e alle aziende...

Acquacoltura e mitilicoltura: prorogare al 2020 le concessioni demaniali

Prorogare al 2020 le concessioni demaniali marittime per l'acquacoltura e la...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Piacenza
Biostimolanti, incontro a Confagricoltura Piacenza: potenzialità e applicazioni
foto articolo newsageagro
Bari
Oli e vini del Meridione, aperte le iscrizioni a Radici del Sud
foto articolo newsageagro
Rimini
Macfrut 2020, tour guidati sui biostimolanti per garantire difese alle produzioni
foto articolo newsageagro
Brescia
La nutrizione ela gestione della riproduzione nel suino, convegno a Brescia

Seguici su Facebook