Agroalimentare

foto articolo newsageagro

Emilia Romagna, prorogata fino al 15 agosto la raccolta del tartufo estivo (a Piacenza 30 novembre)


BOLOGNA - S’allunga la stagione di raccolta del tartufo estivo, il cosiddetto Scorzone. Lo ha deciso la Giunta regionale dell'Emilia Romagna che con la delibera n. 1076/2017 ha apportato alcune modifiche al calendario regionale.

 

LE PROROGHE E' stata prorogata fino al 15 agosto prossimo la scadenza del periodo per la raccolta del tartufo estivo in tutto il territorio collinare dell’Emilia-Romagna. In provincia di Piacenza, in base a un parere dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, la proroga è stata estesa fino al 30 novembre 2017

 

TARTUFO BIANCO Le modifiche erano state annunciate in un incontro chiesto dal Coordinamento regionale delle associazioni tartufai (Crater) che si tenuto la settimana scorsa in Regione. Facendo seguito alle richieste delle associazioni, l’assessorato regionale all’Agricoltura ha provveduto a trasmettere le variazioni del calendario agli organi di vigilanza, raccomandando particolare attenzione affinché nel periodo di proroga sia comunque rispettato il fermo raccolta per le altre specie di tartufo, come il tuberum magnatum. Per quest’ultima specie più pregiata, meglio nota come tartufo bianco, sono invece state confermate le date di apertura della stagione di raccolta del 1° settembre per le zone di pianura e del 20 settembre per le zone di collina.

 

FASE DI TRANSIZIONE «A seguito del riordino istituzionale, in materia di raccolta dei tartufi - spiega l’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli - siamo ancora in una fase di transizione dalla gestione provinciale a quella regionale. Le modifiche del calendario 2017 sono state fatte sulla base delle richieste dei territori e delle conoscenze emerse a livello provinciale. Vogliamo ora estendere ed approfondire queste conoscenze per avere un quadro completo a livello regionale che consenta un aggiornamento mirato e scientificamente comprovato dei prossimi calendari di raccolta. Questi studi, così come tutti gli altri aspetti rilevanti ai fini della gestione, saranno sottoposti e condivisi con la Consulta regionale per la tutela e la valorizzazione del tartufo che stiamo procedendo ad istituire in sostituzione delle preesistenti consulte provinciali. Contiamo che il nuovo organismo possa essere operativo già dal prossimo autunno». L’assessore Caselli si è, inoltre, impegnata a condurre uno studio e una mappatura della distribuzione del tartufo su scala regionale in vista dell’aggiornamento e affinamento del calendario di raccolta per il 2018.


04 agosto 2017
Articoli correlati

Bergamo, a GourmArte in tavola anche i vini della Valtellina e della Franciacorta

Lo storico capitano dell'Inter Zanetti nella squadra degli ambasciatori di Expo

Osservatorio Agri&Food: calo produzione Parmigiano e soluzioni post quote latte

 CREMONA - E' stato pubblicato...

Brescia, da San Valentino in commercio il primo Chiaretto del Consorzio Valtènesi

BRESCIA - Il 2015 del Consorzio Valtènesi comincia sotto il segno del...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Milano
Bayer finanzierà il progetto sulla sicurezza alimentare del giovane Maurizio Junior Chiurazzi
foto articolo newsageagro
Udine
Il Tiramisù raccontato dagli chef di ventuno ristoranti del Friuli
foto articolo newsageagro
Piacenza
Global Food Forum a Treviso, Confagricoltura: «Una visione del futuro con un cambio di marcia»
foto articolo newsageagro
Roma
Il distillato italiano a New York per lanciare la grappa nostrana

Seguici su Facebook