Zootecnia

foto articolo newsageagro

Convegno sulla razza Romagnola: rilancio della carne e rapporto tra allevatori e consumatori


BOLOGNA - Il consumo consapevole della carne passa da un’alleanza tra allevatori e consumatori. I primi impegnati a fornire tutte le informazioni richieste sui metodi di allevamento; i secondi chiamati ad approfondire le loro conoscenze per saper scegliere con cognizione di causa. Sarà questo uno dei temi affrontati al convegno del 16 aprile prossimo sul rilancio della carne bovina di razza Romagnola, evento organizzato dall’Associazione regionale allevatori dell’Emilia Romagna (Araer) in collaborazione con Aia (Associazione italiana allevatori) fissato alle 20.30 alla Sala Europa dell’hotel Globus City di Forlì (sotto, il programma).

 

IL RILANCIO DEI CONSUMI Territorialità ed evidenze scientifiche sulla qualità della carne bovina di razza Romagnola sono i capisaldi che faranno di questo convegno un momento di confronto molto importante, anche per fissare dei paletti in materia di miglioramento genetico della razza e benefici del prodotto in termini di qualità organolettiche. «Il rilancio dei consumi di carni originate dalla razza Romagnola, al pari di quelli degli altri bovini nati e allevati nel nostro Paese - dichiara il direttore generale di Aia, Roberto Maddé che coordinerà gli interventi dei relatori - è tra gli obiettivi da perseguire nell'immediato futuro, anche per venire sempre più incontro alla richiesta dei consumatori che domandano un prodotto sano, tracciato, proveniente da filiera certificata e da animali allevati in condizioni di benessere e integrati nei rispettivi territori rispettando l'ambiente. Il recente successo espositivo e tecnico riportato dalla Romagnola, che per la prima volta ha tenuto la sua Mostra Nazionale di Libro Genealogico alla recente rassegna Agriumbria, testimonia i progressi generali fatti dagli allevatori a tutela di una razza anch'essa simbolo di biodiversità oltre all'interesse per questi bovini anche al di fuori dell'areale originario di allevamento». Tutto questo deve essere veicolato verso il consumatore, sempre più esigente in termini di qualità ma non sempre adeguatamente informato. 

 

ALLEVATORI E CONSUMATORI «Mentre in altre tipologie di mercato il rapporto tra produttore e consumatore è spesso molto stretto - spiega Rosario Trefiletti, presidente del Centro Ricerche Indagini3, uno dei relatori che parteciperà al convegno - quello tra allevatore e consumatore è un rapporto in gran parte da costruire e in ogni caso molto particolare, spesso anche un po’ conflittuale. Oggi sappiamo bene quanto sia alta l’attenzione sulle condizioni di benessere in allevamento e questo, a mio avviso, potrebbe essere la base da cui partire per dei percorsi formativi che coinvolgano sia le scolaresche sia le famiglie. Sono convinto che sarebbe un metodo molto efficace per far incontrare due mondi che su uno dei temi più importanti, l’alimentazione, devono necessariamente dialogare».

 

BENESSERE E QUALITA' Due termini di cui il consumatore conosce bene il significato? Se sul primo, secondo Trefiletti, esiste una maggiore chiarezza, sul termine qualità a volte esiste invece un po’ di confusione. «Non sempre il consumatore sa distinguere tra sicurezza alimentare e qualità, che sono due cose diverse ma che devono andare di pari passo. Innanzitutto, va sempre ricordato che i prodotti sono assolutamente sicuri grazie ai rigidi controlli che quotidianamente vengono garantiti dagli organi competenti, altrimenti si rischia di discriminare chi mangia il filetto e chi la fettina più economica. Detto questo, sul termine di qualità si apre un diverso scenario, dove la conoscenza di ognuno di noi riveste un ruolo fondamentale, senza la quale è molto difficile riconoscere un prodotto di qualità superiore rispetto a un altro diciamo pure più modesto».


12 aprile 2019
Articoli correlati

Venezia, Pan: «Contro le agromafie, rendere sicura la circolazione di cibi sani»

VENEZIA - «In Italia un terzo della spesa quotidiana è costituita da...

Coldiretti Piacenza, "Agricoltura con il segno +": le opportunità della multifunzione per le imprese

PIACENZA - Saranno la multifunzionalità e le opportunità che in...

Fruit&Veg System, il 6 maggio a Veronafiere workshop sul “Packaging che fa sistema”

VERONA - Fruit&Veg System, l’innovativo...

Bioenergy a Cremona, dagli scarti della lana si ricavano fertilizzanti ad alto valore aggiunto

CREMONA - Il progetto, europeo, si chiama Life+GreenWoolf,...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Piacenza
Piacenza, i Georgofili alla Cattolica per conoscere le produzioni lattiero-casearie
foto articolo newsageagro
Cremona
Giornata suinicoltura, resistenza agli antibiotici per garantire anche il reddito
foto articolo newsageagro
Bologna
Convegno sulla Romagnola: «E' carne al top, ma va comunicata e promossa meglio»
foto articolo newsageagro
Piacenza
Piacenza, arriva Gola Gola Festival: dal sale alla Malvisia passando per pasta e salumi

Seguici su Facebook