Latte

foto articolo newsageagro

Friuli, Shaurli: «L'origine in etichetta valorizzerà ancora di più le nostre produzioni»


UDINE - «Finalmente dopo un'importante lavoro di confronto con l'Unione Europea una grande occasione per il made in Italy e per la produzione lattiero casearia anche del Friuli Venezia Giulia: una maggiore trasparenza nell'etichetta del latte e dei prodotti derivati consentirà scelte d'acquisto più consapevoli e proiettate al consumo responsabile e di qualità, permetterà ai nostri cittadini di poter scegliere formaggi e latticini interamente italiani e dare così anche il giusto riconoscimento al grande lavoro dei nostri agricoltori».

 

Lo ha sostenuto l'assessore regionale alle Risorse agricole e forestali, Cristiano Shaurli, nel giorno in cui in Italia entra in vigore l'obbligo di indicare in etichetta il Paese di mungitura e quello di trasformazione dei prodotti lattiero-caseari, così come previsto dal decreto del ministero delle Politiche agricole del 9 dicembre 2016 (pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 15/2017), in attuazione del regolamento (UE) n.1169/2011, relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori.

 

Per Shaurli «il latte italiano non potrà più essere confuso con il latte importato e l'etichettatura garantirà una migliore valorizzazione della nostra produzione e delle nostre peculiarità, consentendo ai nostri bambini di bere latte sano ed alle famiglie di sapere esattamente da dove arriva e come è fatto quel prodotto. Così anche il grande impegno profuso dalla Regione, dal Friuli al Carso, per la salvaguardia della produzione locale diventa ancor più attuale e lungimirante».

 

«Con il ministero delle Politiche agricole e le altre Regioni vi è stata una costante collaborazione che ha portato a questo grande traguardo, raggiunto - ha concluso Shaurli - mantenendo la Regione Friuli Venezia Giulia sempre in raccordo anche con le nostre associazioni di categoria, giustamente molto sensibili sull'argomento. Insieme a loro e a tutto il comparto ora sarà fondamentale il lavoro di informazione e sensibilizzazione a partire da scuole e media».


19 aprile 2017
Articoli correlati

Il Consorzio agrario regionale presenta all'assessore il piano per rilevare Latterie Friulane

TRIESTE - «Un progetto sicuramente interessante al quale...

OGM da mangiare o da bruciare?: a Pordenone convegno con scienziati, giuristi e politici

PORDENONE - “OGM: da bruciare o da mangiare?” è...

Friuli, a Pordenone la mostra Agricoltura senza confini: storia, libri antichi e vino

TRIESTE - Alcune delle più importanti opere presenti nella Biblioteca...

Vitogni autoctoni a "Ein Prosit", il top dell'enogastronomia friulana esempio intelligente di turismo

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Milano
Bayer finanzierà il progetto sulla sicurezza alimentare del giovane Maurizio Junior Chiurazzi
foto articolo newsageagro
Udine
Il Tiramisù raccontato dagli chef di ventuno ristoranti del Friuli
foto articolo newsageagro
Piacenza
Global Food Forum a Treviso, Confagricoltura: «Una visione del futuro con un cambio di marcia»
foto articolo newsageagro
Roma
Il distillato italiano a New York per lanciare la grappa nostrana

Seguici su Facebook