Latte

foto articolo newsageagro

Friuli, Shaurli: «L'origine in etichetta valorizzerà ancora di più le nostre produzioni»


UDINE - «Finalmente dopo un'importante lavoro di confronto con l'Unione Europea una grande occasione per il made in Italy e per la produzione lattiero casearia anche del Friuli Venezia Giulia: una maggiore trasparenza nell'etichetta del latte e dei prodotti derivati consentirà scelte d'acquisto più consapevoli e proiettate al consumo responsabile e di qualità, permetterà ai nostri cittadini di poter scegliere formaggi e latticini interamente italiani e dare così anche il giusto riconoscimento al grande lavoro dei nostri agricoltori».

 

Lo ha sostenuto l'assessore regionale alle Risorse agricole e forestali, Cristiano Shaurli, nel giorno in cui in Italia entra in vigore l'obbligo di indicare in etichetta il Paese di mungitura e quello di trasformazione dei prodotti lattiero-caseari, così come previsto dal decreto del ministero delle Politiche agricole del 9 dicembre 2016 (pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 15/2017), in attuazione del regolamento (UE) n.1169/2011, relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori.

 

Per Shaurli «il latte italiano non potrà più essere confuso con il latte importato e l'etichettatura garantirà una migliore valorizzazione della nostra produzione e delle nostre peculiarità, consentendo ai nostri bambini di bere latte sano ed alle famiglie di sapere esattamente da dove arriva e come è fatto quel prodotto. Così anche il grande impegno profuso dalla Regione, dal Friuli al Carso, per la salvaguardia della produzione locale diventa ancor più attuale e lungimirante».

 

«Con il ministero delle Politiche agricole e le altre Regioni vi è stata una costante collaborazione che ha portato a questo grande traguardo, raggiunto - ha concluso Shaurli - mantenendo la Regione Friuli Venezia Giulia sempre in raccordo anche con le nostre associazioni di categoria, giustamente molto sensibili sull'argomento. Insieme a loro e a tutto il comparto ora sarà fondamentale il lavoro di informazione e sensibilizzazione a partire da scuole e media».


19 aprile 2017
Articoli correlati

Il Consorzio agrario regionale presenta all'assessore il piano per rilevare Latterie Friulane

TRIESTE - «Un progetto sicuramente interessante al quale...

OGM da mangiare o da bruciare?: a Pordenone convegno con scienziati, giuristi e politici

PORDENONE - “OGM: da bruciare o da mangiare?” è...

Friuli, a Pordenone la mostra Agricoltura senza confini: storia, libri antichi e vino

TRIESTE - Alcune delle più importanti opere presenti nella Biblioteca...

Vitogni autoctoni a "Ein Prosit", il top dell'enogastronomia friulana esempio intelligente di turismo

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Brescia
Brescia, 26-28 agosto a Puegnago in scena i vini rossi a base Groppello e l'olio del Garda
foto articolo newsageagro
Sondrio
Valtellina da gustare, da settembre a novembre il Pizzocchero d'oro e i Sapori d'autunno
foto articolo newsageagro
Ragusa
Ragusa, a novembre il Symposium sul pomodoro: tracciabilità, sicurezza alimentare e clima
foto articolo newsageagro
Viterbo
Al concorso ArgenPic 2017 in mostra le piante di peperoncino più belle

Seguici su Facebook