foto articolo newsageagro

Giornata Mondiale del Suolo, c'è il Consorzio italiano Biogas: l'agricoltura da problema a soluzione ecologica


LODI - Piero Gattoni, presidente del Consorzio Italiano Biogas e rappresentante della filiera italiana del biogas/biometano di matrice agricola, è intervenuto oggi a Katowice nel corso di COP24, nella Giornata mondiale del Suolo, per presentare i progressi del modello agro-economico Biogasfattobene® che si candida ad essere punto di riferimento internazionale per una rivoluzione ecologica dell’agricoltura, in cui i servizi ecosistemici del suolo diventano focus prioritario di attenzione. «Da una parte – interviene il presidente Gattoni -  c’è la necessità di arrestare urgentemente il cambiamento climatico, dall’altra abbiamo una popolazione che sfiora gli 8 miliardi di individui e che richiede una produzione di cibo sempre crescente e quindi suoli fertili. In questo scenario così complesso, l’agricoltura torna ad essere centrale per le sorti del pianeta; suolo e fotosintesi sono i mezzi formidabili che gli agricoltori hanno a disposizione. E la risposta può venire proprio dall’Europa e dall’Italia dove, da oltre un decennio, un’avanguardia di imprenditori agricoli ha testato i benefici del modello Biogasfattobene® sviluppato dal Consorzio Italiano Biogas».  

 

LA PRESENZA DEL CONSORZIO A KATOWICE - «Siamo presenti oggi ai lavori di COP24 a Katowice – prosegue Gattoni - anche in occasione della Giornata Mondiale del Suolo, proprio per testimoniare l’attività dei nostri soci, che sono attori di un’agricoltura altamente tecnologica ed efficiente, abbinata alla produzione di gas rinnovabile derivato dalla digestione di reflui animali e matrici agricole prodotte con seconde colture, che non impattano, dunque, sulla produzione di cibo e foraggi. Doppie colture, nuove pratiche agronomiche, tecnologia, innovazione permettono di utilizzare in modo più efficiente l’acqua, di rimettere in circolo nutrienti con il digestato, diminuire gli input della chimica e, quindi, migliorare la qualità e la resilienza del suolo. Il Biogasfattobene® permette, soprattutto, di abbattere le emissioni delle attività agricole, che possono ambire a raggiungere emissioni nette negative, grazie anche allo stoccaggio del carbonio nel suolo. «Riteniamo che il Biogasfattobene® - conclude il presidente - possa trovare una concreta applicazione in Europa e nel mondo. Ne deriverebbe un abbattimento delle emissioni climalteranti dell’agricoltura e si potrebbe aumentare sensibilmente la produzione di gas rinnovabile che, secondo il consorzio europeo Gas for Climate, può raggiungere i 122 miliardi di m3 entro il 2050, contribuendo così ad un sistema energetico a emissioni nette pari a zero. Se utilizzato insieme ad altre fonti energetiche rinnovabili per scopi civili, industriali e nei trasporti, il gas rinnovabile può accompagnare efficacemente il processo di decarbonizzazione dell’economia globale».


05 dicembre 2018
Articoli correlati

Venezia, Pan: «Contro le agromafie, rendere sicura la circolazione di cibi sani»

VENEZIA - «In Italia un terzo della spesa quotidiana è costituita da...

Coldiretti Piacenza, "Agricoltura con il segno +": le opportunità della multifunzione per le imprese

PIACENZA - Saranno la multifunzionalità e le opportunità che in...

Fruit&Veg System, il 6 maggio a Veronafiere workshop sul “Packaging che fa sistema”

VERONA - Fruit&Veg System, l’innovativo...

Bioenergy a Cremona, dagli scarti della lana si ricavano fertilizzanti ad alto valore aggiunto

CREMONA - Il progetto, europeo, si chiama Life+GreenWoolf,...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Roma
La sostenibilità base della viticoltura del futuro, in febbraio a Roma la due giorni di VinNatur
foto articolo newsageagro
Firenze
Firenze, 22 e 23 dicembre: al Mercato Campagna amica torna la "fiorentina" a km zero
foto articolo newsageagro
Piacenza
Coldiretti: «Basta con il cibo anonimo, il consumatore deve essere consapevole»
foto articolo newsageagro
Milano
“Un tavolo Oltrepò”, il progetto tenuto a battesimo dall’assessore Rolfi e dal ministro Centinaio

Seguici su Facebook