Agricoltura

foto articolo newsageagro

I giovani della Cia si confrontano con i colleghi europei: «Più cooperazione e gestione dei rischi»


CESENA - Promuovere maggiore condivisione di know-how in materia di cooperazione e agevolare le nuove generazioni nell’accesso a strumenti e soluzioni concrete per la gestione del rischio. Questi gli obiettivi che Agia, l’Associazione giovani imprenditori agricoli di Cia-Agricoltori Italiani ha messo al centro della conferenza europea organizzata a Cesena, nella Cooperativa Agricola Cesenate-CAC Seeds, in occasione della tre giorni di working group con il Ceja (Consiglio Europeo dei Giovani Agricoltori) e dal titolo “Giovani imprenditori agricoli i semi per il futuro dell’Europa. Impresa, conoscenza e gestione del rischio”.

 

TRA PAC E BREXIT Provenienti da 14 Paesi europei, un centinaio di giovani agricoltori - con incontri e tour in aziende tra Bologna, Cesena e Ravenna - hanno fatto quadrato attorno alle priorità per l’agricoltura di domani, tra Pac e Brexit, in vista anche delle imminenti elezioni Ue. Tra queste, appunto, l’attenzione a leve strategiche alternative e più coraggiose, come il fare impresa insieme e investire in grandi progetti su larga scala, usufruendo di misure che tutelino dalle incertezze di mercati e clima.

 

L'AGRICOLTURA IN EUROPA I numeri danno adito a nuove riflessioni. In tutta Europa, secondo le analisi dell’Ufficio Studi Cia-Agricoltori Italiani su dati Eurostat 2018, sono oltre 10 milioni le persone impiegate in agricoltura, ma solo l’11% di loro ha meno di 40 anni (32% da 65 anni in su), con l’Italia che scende sotto il 10%. Il 65% delle aziende è di piccola dimensione con meno di 5 ettari di terreno. In Italia, si contano poco più diun milione di imprese (10% del totale), con superficie agricola utilizzata pari al 7% di quella europea.

 

I NUMERI DELL'ITALIA L’Italia, che è la terza economia agricola con il 12% del fatturato comunitario del settore, con circa 12 milioni di Sau, ha poco più di 4 mila cooperative agroalimentari associate, con oltre 34 miliardi di fatturato e più di 90 mila addetti. Un quarto del giro d’affari dell’industria alimentare (circa 132 mld) è generato dalle imprese cooperative distribuite in tutta Italia, con maggior incidenza al Nord (45%) e al Sud (42%), meno al Centro Italia (13%).

 

E’ con questo scenario che in Emilia-Romagna, principale regione per fatturato prodotto da cooperative agroalimentari (il 37%, a fronte del 19% in Veneto e del 10% in Lombardia), Agia-Cia ha chiamato a confronto esperti del settore e mondo imprenditoriale, affiancando al tema della cooperazione in agricoltura quello della gestione del rischio e della stabilizzazione del reddito d’impresa, di stringente importanza in un Paese come l’Italia, con il 91% di comuni a rischio frane e/o alluvioni e il 16,6% di territorio classificato a maggiore pericolosità. Ciò, senza trascurare i processi di globalizzazione dei mercati internazionali o la più vicina Brexit, che rendono ancor più vulnerabili le aziende italiane.

 

«Il working group organizzato in Italia con il Ceja - è intervenuto Stefano Francia, presidente nazionale di Agia-Cia - è stato occasione preziosa di condivisione con i colleghi di tutta Europa. In campo abbiamo messo il nostro approccio all’agricoltura a livello aziendale e cooperativistico, oltre a buone pratiche aziendali, il cui successo risiede in primo luogo nella collaborazione. In questo contesto - ha aggiunto Francia - soprattutto per le aziende giovani e in fase di startup che investono in innovazione di processo, prodotto e mercato, con oneri finanziari significativi e per questo con la necessità di stabili flussi economici; la gestione del rischio rappresenta un pilastro fondamentale da incentivare. Fa da sostegno a leve importanti, come il territorio e le sue risorse o anche l’innovazione. Sono d’esempio ed erano tappe della tre giorni emiliana, il Consorzio di Bonifica, modello di gestione delle acque quale asset di future politiche europee e per la competitività delle imprese agricole. E la Cooperativa Braccianti Massari con le sue moderne strutture di peso internazionale, nate in una terra all’origine paludosa e infestata da malaria, grazie alla visionaria intuizione di Nullo Baldini».

 

L’iniziativa Agia-Cia e Ceja è stata possibile anche grazie al patrocinio della Regione Emilia-Romagna con l’attenzione dell’assessore all’Agricoltura, caccia e pesca, Simona Caselli.


15 marzo 2019
Articoli correlati

Venezia, Pan: «Contro le agromafie, rendere sicura la circolazione di cibi sani»

VENEZIA - «In Italia un terzo della spesa quotidiana è costituita da...

Coldiretti Piacenza, "Agricoltura con il segno +": le opportunità della multifunzione per le imprese

PIACENZA - Saranno la multifunzionalità e le opportunità che in...

Fruit&Veg System, il 6 maggio a Veronafiere workshop sul “Packaging che fa sistema”

VERONA - Fruit&Veg System, l’innovativo...

Bioenergy a Cremona, dagli scarti della lana si ricavano fertilizzanti ad alto valore aggiunto

CREMONA - Il progetto, europeo, si chiama Life+GreenWoolf,...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Brescia
Fiera della vita in campagna, tre giorni di agricoltura per passione: attesi 40mila visitatori
foto articolo newsageagro
Bologna
Bologna, Olive e olio: ripartono il 20 marzo le conferenze dell'Accademia nazionale di agricoltura
foto articolo newsageagro
Brescia
Fiera vita in campagna, Unicarve; cresce il consumo di carne, più tutela con il "Sigillo italiano"
foto articolo newsageagro
Bologna
Bologna, Slow Food premia i migliori oli extravergine a Fico il 16 e 17 marzo: l'elenco dei riconoscimenti

Seguici su Facebook