Zootecnia

foto articolo newsageagro

Il Gruppo Pini (leader delle bresaole) investe in Ferrarini: una filiera per sfidare i mercati mondiali


SONDRIO - Il Gruppo Pini, tra i leader a livello europeo nel mondo della macellazione suina e uno dei principali player europei nella produzione di bresaole con un fatturato superiore al miliardo e 600 milioni di euro, investe nel capitale di Ferrarini spa. L’accordo tra Ferrarini e il Gruppo Pini, oltre a garantire continuità occupazionale senza nessuna delocalizzazione produttiva, fa nascere un progetto di filiera unico nel settore che permetterà di affrontare i mercati globali e consentirà alla Ferrarini di poter crescere grazie ad un investitore strategico con la capacità di supportare la produzione degli oltre 900.000 Prosciutti stagionati nello stabilimento di Lesignano dè Bagni (PR) e degli oltre 1,5 milioni di Prosciutti cotti prodotti all’anno. Allo stesso momento il Gruppo Pini avrà la possibilità, attraverso la struttura commerciale internazionale di Ferrarini, di allargare la distribuzione della Bresaola nei principali mercati mondiali.
 

 

L'OPERAZIONE L’operazione avverrà attraverso l’apporto di nuove risorse finanziarie nell’ambito di un concordato con continuità aziendale diretta che verrà presentato all’autorità giudiziaria competente nel corso dei prossimi giorni con il supporto professionale dell'avvocato Sido Bonfatti, dello Studio Bagni Fiorcari Huller di Modena e dello Studio Chiomenti di Milano; l’azienda non verrà pertanto trasferita e rimarranno in essere i rapporti con i dipendenti attualmente in essere.

 

QUALITA' E SVILUPPO DEL MARCHIO «Sono molto soddisfatta - dichiara la presidente di Ferrarini spa, Lisa Ferrarini - dell’accordo raggiunto. Si creano per le nostre aziende delle fantastiche opportunità a livello internazionale con la possibilità di sviluppare prodotti di altissima qualità testimoni del Made in Italy». «Questa operazione - dichiara  l'amministratore unico di Pini Italia Srl, Roberto Pini - consentirà alla nostra famiglia di poter integrare tutte le fasi del processo produttivo: grazie ai rapporti commerciali con l’estero, confidiamo di poter dare un nuovo importante impulso allo sviluppo del marchio Ferrarini sia sotto un punto di vista industriale sia commerciale. L’investimento per il nostro gruppo è assolutamente strategico e di lungo periodo».

 

IL GRUPPO PINI Il fondatore del Gruppo Pini, Piero Pini, fonda nel 1982 Bresaole Pini S.r.l. che si specializza nella produzione e nella commercializzazione di bresaole (sia di carne bovina, che di carne equina). L’attività aziendale viene svolta nello stabilimento in Valtellina (Sondrio), ora dotato di impianti moderni e all’avanguardia per la produzione e l'affettamento bresaole Dop e che occupa attualmente oltre 120 dipendenti, realizzando un fatturato, in costante crescita, di 80 milioni di euro. Nel luglio 2018 il Gruppo Pini ha avviato un nuovo investimento, in Spagna: attraverso Litera Meat Sl è in corso di costruzione uno stabilimento produttivo (per dimensione - circa 70.000 mq. - e capacità produttiva - 160.000 suini a settimana - il più grande in Europa) per la lavorazione di carne suina che avvierà l’attività produttiva nel prossimo mese di marzo; attraverso questo investimento, il Gruppo Pini diventerà tra i leader europei del settore. In Italia, il Gruppo Pini è il primo operatore italiano nella macellazione di suini attraverso due società: Pini Italia S.r.l. con sede in Castelverde (Cremona) e Ghinzelli S.r.l. con sede in Viadana (Mantova) che fatturano complessivamente 450 milioni: costituite nel 2013 per acquisire l’azienda di Bertana S.p.A. e quella di Industria Macellazione Marino Ghinzelli S.p.A., all’epoca in grave crisi.

 

(foto gisimage)


19 febbraio 2019
Articoli correlati

Vino, marchio Franciacorta collabora con Furla

Il Franciacorta conferma il proprio rapporto con il mondo della moda e dell'arte...

Piemonte, Florovivaismo in netto calo a causa del caro gasolio

La crisi non risparmia il settore del florovivaismo, che in Italia copre il 6% della...

Zootecnia: ora si munge anche con una telecamera in 3-D; il digitale entra nelle stalle

Ora si munge anche utilizzando una camera in 3-D. Tecnologicamente unica per la ricerca...

Per TuttoFood aiuti alle imprese dalle camere di commercio: stand e contatti con estero

Benefit vari, per un valore complessivo di 5000 euro, che vanno dalla formazione...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Bologna
Bologna, 3 giugno: Il Sistema agroalimentare dell'Emilia Romagna e il rapporto 2018
foto articolo newsageagro
Asti
Le bollicine dell'Asti Doc sposano la pasticceria al congresso internazionale a Milano
foto articolo newsageagro
Bari
Bari, il 10 giugno il Salone dei vini e degli oli del Sud: oltre 110 cantine al Castello di Sannicandro
foto articolo newsageagro
Mantova
Mantova Food&Science festival, convegno di Landini il 18 maggio: al centro il precision farming

Seguici su Facebook