Enogastronomia

foto articolo newsageagro

Italia in Rosa, appello a fare rete con Puglia, Veneto, Abruzzo per i vini rosati


BRESCIA - La passione per il “bere rosa” c’è e, nel weekend tra venerdì 10 e domenica 12 giugno, ha invaso con un esercito di winelovers il castello trecentesco di Moniga del Garda per la nona edizione di Italia in Rosa: un pubblico di appassionati reali, attenti a tutte le sfumature di quel variegato mondo dei vini rosé che ancora una volta ha trovato nella rassegna gardesana una delle sue vetrine più esaustive e prestigiose. Gli organizzatori hanno stimato un passaggio di oltre 6500 persone, delle quali più di 3500 hanno acquistato il tagliando con sacca e calice per degustare gli oltre 170 vini presentati quest’anno in manifestazione da un esercito di 131 cantine da tutta Italia e non solo.

«Siamo molto soddisfatti non solo per la crescita numerica - afferma il presidente di Italia in Rosa Luigi Alberti - ma anche e soprattutto per quella qualitativa. Ora stiamo già pensando all’edizione del decennale, che immaginiamo aperta in particolar modo al target dei giovani che tanto importanti sono stati per il boom di Italia in Rosa: da qui l’idea di istituire una borsa di studio permanente che rimanga nel tempo e che possa rappresentare un punto di riferimento per approfondire la cultura del Chiaretto e dei rosati».

Importanti risultati sono emersi anche dal convegno di sabato 11 “Il futuro del rosé: numeri e dimensioni di un mercato in forte espansione”, dove il Consorzio Valtènesi, con in testa il presidente Alessandro Luzzago ed il direttore Carlo Alberto Panont, ha lanciato un appello «a fare rete con la Puglia, Veneto, Abruzzo e altri principali regioni produttive italiane per costruire un’alleanza che consenta di arrivare ad avere anche in Italia un osservatorio di riferimento». Un invito raccolto da Lucia Nettis, direttrice di Puglia in Rosé (realtà che associa 52 cantine), secondo la quale «gli Stati generali dei vini rosati sarebbero un’idea eccellente per contarci, capire chi siamo, ed andare uniti sul mercato per essere vincenti». Il tutto mentre Tiziana Sarnari, analista di mercato del settore vinicolo di Ismea, ha illustrato gli strumenti che, con lo sforzo collettivo dei consorzi e delle realtà associative, potrebbero consentire di arrivare a costruire anche in Italia un quadro economico sui vini rosati.

Nel corso della rassegna, è stato infine come sempre assegnato il Trofeo Pompeo Molmenti per il miglior Chiaretto della vendemmia 2015: su 21 finalisti, il riconoscimento è andato quest’anno al Valtènesi Chiaretto Doc 2015 delle Cantine Avanzi di Manerba.


13 giugno 2016
Articoli correlati

Vino, marchio Franciacorta collabora con Furla

Il Franciacorta conferma il proprio rapporto con il mondo della moda e dell'arte...

Piemonte, Florovivaismo in netto calo a causa del caro gasolio

La crisi non risparmia il settore del florovivaismo, che in Italia copre il 6% della...

Zootecnia: ora si munge anche con una telecamera in 3-D; il digitale entra nelle stalle

Ora si munge anche utilizzando una camera in 3-D. Tecnologicamente unica per la ricerca...

Per TuttoFood aiuti alle imprese dalle camere di commercio: stand e contatti con estero

Benefit vari, per un valore complessivo di 5000 euro, che vanno dalla formazione...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Ferrara
Verso Futurpera, 28-30 novembre: al centro dei convegni i problemi fitosanitari
foto articolo newsageagro
Parma
Parma, torna l'asta delle bovine del comprensorio del Parmigiano
foto articolo newsageagro
Piacenza
Cantina Valtidone in festa per due giorni, il vino novello sposa Cioccolandia
foto articolo newsageagro
Piacenza
Castel San Giovanni, pochi giorni al via della 16esima edizione di Cioccolandia

Seguici su Facebook