Agroalimentare

foto articolo newsageagro

L'allarme dei pericoltori: «A rischio le aziende, il mondo del lavoro e i consumatori»


MODENA - Dopo la presa di posizione del ministro delle Politiche agricole, Gian Marco Centinaio, sul grave problema della diffusione della cimice asiatica che a quanto pare sta mettendo in serio pericolo l'intero settore della frutticoltura con l'impegno di avviare al più presto un tavolo di lavoro interministeriale con le Associazioni di categoria e le Regioni, dopo il grido d'allarme lanciato del presidente Confagricoltura Emilia RomagnaEugenia Bergamaschi e del presidente dei frutticoltori di Confagricoltura regionale, Albano Bergami, ora è lo stesso Gianfranco Corradi presidente di Confagricoltura Modena a sottolineare l'urgenza di misure drastiche atte a contrastare il fenomeno. È forte la preoccupazione che traspare dalle sue parole alla fine di un incontro con i tecnici e i funzionari dell'associazione agricola in merito alla situazione registrata nel territorio modenese: «Al momento attuale non abbiamo armi per combattere la cimice asiatica che sta compromettendo il raccolto delle nostre pere: se non vogliamo che l’intero comparto vada a rotoli abbiamo bisogno che venga immediatamente autorizzato l’inserimento dell’unico antagonista alla cimice, ovvero la vespa samurai.» Non solo, ma - prosegue Corradi - «nel corso della stagione terremo monitorata la percentuale di danno subito dalle aziende per arrivare a fine raccolta con una quadro preciso della situazione da sottoporre al Consorzio Fitosanitario ed alla Regione Emilia Romagna.»

 

 

LE URGENZE Per poter difendere il comparto è necessario mettere in campo strategie efficaci che vanno dal combattere la cimice con l’unico antagonista naturale finora conosciuto fino a sostenere le aziende dal punto di vista economico-finanziario mediante la sospensione dei mutui, sgravi contributivi e prestiti di conduzione, nonché accedendo a contributi a fondo perduto erogati dall’Unione europea in caso di calamità naturale, è questo il pensiero di Confagricoltura.

 

IL PERICOLO Già dal 2012, anno in cui è stata avviata la prima rilevazione della cimice, in poi i danni hanno avuto un aumento di tipo esponenziale e quindi il panorama che si prospetta porta ad una unica riflessione: «A rischio non è solo il raccolto dell’anno - conclude Corradi - ma la vita stessa delle aziende che non arrivano a coprire i costi di produzione e abbandonano il comparto, con le ricadute che possiamo immaginare per il mondo del lavoro e i consumatori».

 

(sotto, Corradi)


12 agosto 2019
Articoli correlati

Creta guarda al Veneto per migliorare la propria agricoltura

 L'isola di Creta guarda all'agricoltura del Veneto per...

Spilamberto, il Palio dell'aceto balsamico premia i suoi campioni

Domenica 23 giugno nell'antica Rocca di Spilamberto (Mo) si tiene il tradizionale Palio di...

Apicoltura Casentinese, una storica azienda va in aiuto di chi è svantaggiato

Dalla Toscana, una notizia che coniuga agricoltura e solidarietà. Apicoltura Casentinese...

Rivista dell'Osservatorio Agri&Food di CremonaFiere: Pac, falsi prosciutti e biometano

CREMONA - E' uscito l'ultimo numero dell'Osservatorio...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Piacenza
Biostimolanti, incontro a Confagricoltura Piacenza: potenzialità e applicazioni
foto articolo newsageagro
Bari
Oli e vini del Meridione, aperte le iscrizioni a Radici del Sud
foto articolo newsageagro
Rimini
Macfrut 2020, tour guidati sui biostimolanti per garantire difese alle produzioni
foto articolo newsageagro
Brescia
La nutrizione ela gestione della riproduzione nel suino, convegno a Brescia

Seguici su Facebook