Agricoltura

foto articolo newsageagro

Lombardia, le imprese boschive alla Regione: «Più considerazione, viabilità e pianificazione tagli»


PIACENZA - Le imprese boschive chiedono alla Regione Lombardia maggiore considerazione. Si è svolto nei giorni scorsi nella sede della Regione un incontro tra i rappresentanti dell’Associazione Regionale Imprese Boschive della Lombardia e l’assessore regionale all’Agricoltura, Fabio Rolfi. Per Confagricoltura Lombardia ha partecipato Livio Bozzolo, presidente della Federazione regionale di prodotto Risorse boschive e Produzioni legnose e presidente della stessa Associazione. L’organizzazione si è costituita nel 2003, raggruppa la maggior parte delle imprese boschive lombarde (oltre 300, presenti soprattutto in Valtellina, Valcamonica, nel Varesotto e nelle altre valli alpine, con circa 1.000 dipendenti) ed è trasversale alle organizzazioni di categoria.

 

Nel corso del confronto con l’assessore, è stato sottolineato come negli ultimi anni si sia interrotto il proficuo rapporto di collaborazione con la Regione che aveva caratterizzato il periodo della nascita e dello sviluppo dell’Associazione. «Segno del cambiamento - spiega Bozzolo - è che noi, come altri portatori di interesse del settore forestale, non siamo quasi mai più stati né convocati né interpellati, forse perché meno rumorosi o questuanti rispetto alle aziende agricole di pianura».

 

Per questo motivo, il vertice con l’assessore Rolfi è stato propizio per fare il punto su alcuni temi di grande interesse per il comparto. «Abbiamo chiesto - continua il presidente dell’Associazione - di mettere mano ai regolamenti relativi alla viabilità agrosilvopastorale, a causa delle gravi difficoltà per le imprese che operano dei territori di Comunità Montane che applicano alla lettera le regole approvati. Inoltre, riteniamo fondamentale lavorare con la Regione su concorrenza sleale e lavoro nero, certificazione forestale, programmazione e pianificazione dei tagli: nei nostri boschi viene tagliato il 20% di quanto cresce in un anno, in Austria siamo al 90%. Riteniamo che questo settore così importante per il territorio e per l’ambiente non possa più essere trascurato e necessiti di un sostegno da parte delle istituzioni».

 

(foto gisimage)


16 maggio 2018
Articoli correlati

Bergamo, a GourmArte in tavola anche i vini della Valtellina e della Franciacorta

Lo storico capitano dell'Inter Zanetti nella squadra degli ambasciatori di Expo

Osservatorio Agri&Food: calo produzione Parmigiano e soluzioni post quote latte

 CREMONA - E' stato pubblicato...

Brescia, da San Valentino in commercio il primo Chiaretto del Consorzio Valtènesi

BRESCIA - Il 2015 del Consorzio Valtènesi comincia sotto il segno del...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Mantova
Mantova, apre Bovimac: due giorni in fiera sul futuro di bovini da latte, meccanizzazione, energia
foto articolo newsageagro
Rimini
Seminario a Rimini, la zeolite cubana e le coltivazioni biologiche: meno fitofarmaci più difese passive
foto articolo newsageagro
Brescia
Le nuove sfide degli allevatori, seminario di due giorni a Padenghe (Brescia)
foto articolo newsageagro
Brescia
Lattiero caseario, Osservatorio Smart agrifood: il futuro è digital, ricetta elettronica, blockchain, export

Seguici su Facebook