Agricoltura

foto articolo newsageagro

Lombardia presidente di Eusalp, l'obiettivo è sviluppare la Green Economy nelle regioni alpine


MILANO - Il 28 febbraio 2019 l’Italia, attraverso Regione Lombardia, avrà la presidenza della Macroregione alpina Eusalp (EU Strategy for the Alpine region) di cui fanno parte Paesi dell’unione Europea: Italia, Francia, Germania, Austria, Slovenia; due stati extra europei Svizzera e  Liechtenstein; e le 48 regioni e province autonome che si trovano attorno alla catena alpina. Le regioni italiane sono la Lombardia, la Liguria, il Piemonte, la Valle d’Aosta, il Veneto, Il Friuli Venezia Giulia e le province autonome di Trento e Bolzano.

 

La presidenza di Regione Lombardia si caratterizza per l’ampio focus sulla Green Economy e la cosiddetta economia circolare che interessa tutta l’area delle Alpi, ma ancora più intensamente coinvolge quella della Pianura Padana che va dalle porte di Torino alle porte di Venezia, passando per Lombardia e Emilia Romagna. La scelta del tema è caduta sulla Green Economy che nelle regioni di Eusalp ha un fortissimo impatto sul lavoro e sui giovani.

 

LE IMPRESE In Lombardia le imprese eco-investitrici sono 61.650, quasi il 20% del totale nazionale. Al secondo posto il Veneto (34.797 unità): segue poi il Piemonte con Piemonte con 38.869 aziende. Per quanto riguarda il Lazio sono 32.545 imprese green), l'Emilia-Romagna a quota 28.270 e la Campania con 26.176. A livello provinciale, Roma (25.082) e Milano (21.547) sono in testa e staccano nettamente le altre province italiane: con poco più di 9.000 imprese eco-investitrici si collocano Torino, Napoli e Bari. 

 

IL RAPPORTO Questi i dati contenuti che emergono dal Rapporto 2018 Green Italy, realizzato da Symbola e Unioncamere (promosso in collaborazione con il Conai e Novamont, con il patrocinio del ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare) per misurare e pesare la forza della green economy nazionale. E' la green economy italiana, che coinvolge ormai 1/4 del totale delle aziende e che racconta, per queste aziende, di un dinamismo sui mercati esteri nettamente superiore al resto del sistema produttivo italiano. 

 

LAVORI VERDI Quanto ai contratti relativi a green jobs la cui attivazione è prevista per il 2018, in testa c'è di nuovo la Lombardia, dove se ne contano 123.380, pari a poco più di un quarto del totale nazionale (26,1%); seguita da Emilia-Romagna (45.562), Lazio (45.480), Veneto (42.654) e Piemonte (38.869). La graduatoria provinciale, poi, rispecchia quanto riscontrato a livello regionale. Ad occupare le prime venti posizioni sono, infatti, quasi tutte province settentrionali.

 

I DATI Scendendo nel dettaglio, Milano occupa il primo posto con circa 63.200 unità (raccogliendo il 13,4% della domanda complessiva nazionale di figure green), seguita da un'altra grande realtà, Roma, dove la richiesta di green jobs raggiunge quasi le 37.600 nuove attivazioni (il 7,9% del totale nazionale). Dietro, Torino, con quasi 23.500 nuovi contratti (5,0%), e Napoli, con quasi 16.800 contratti. Ma si posizionano nella top ten della classifica anche Brescia e Bergamo, dove la domanda di green jobs supera sempre e abbondantemente le 10.000 unità. In termini di incidenza di figure professionali green sul totale di quelle previste in entrata nel 2018, la testa della classifica include solo province del Nord: Milano, in prima posizione, con un 15,2%, seguita da Torino (14,5%), Monza (13,9%), Bergamo (13,4%) e Brescia (12,8%). 

 

IL PRODOTTO INTERNO LORDO Come nelle precedenti edizioni del Rapporto GreenItaly, a partire da questi dati sull'occupazione è stato stimato il contributo dei green jobs al prodotto lordo del Paese. Il valore aggiunto prodotto che si ottiene è nel 2017 di 197,2 miliardi di euro, pari al 12,8% del totale complessivo, con un ranking regionale stilato in base al valore di questa quota che vede la Lombardia e il Trentino Alto Adige in testa, con una quota del 15,1%, seguite da Emilia-Romagna (14,2%), Valle d'Aosta (13,6%), Molise (13,4%) e Lazio (13,3%). La Lombardia è anche la regione in cui si concentra più di un quarto (precisamente il 25,1%) del totale del valore aggiunto prodotto da green jobs nel Paese, con una incidenza superiore rispetto al caso del valore aggiunto complessivo (rispetto al quale la Lombardia contribuisce per il 21,9% al dato nazionale).

 

NUOVO SITO WEB Regione Lombardia ha allestito, per questo suo anno di presidenza, un apposito sito www.eusalp.regione.lombardia.it. già on line. Il mini sito è utilissimo per essere tenuti al corrente degli eventi che si svolgeranno in questo anno di presidenza partendo proprio dall'agenda della Presidenza. Nel sito ci saranno documenti ufficiali, in lingua italiana e inglese; una press room fornirà pubblicazioni, i lanci d'agenzia e articoli di giornali nonché video che parlano della presidenza di Regione Lombardia di Eusalp.


05 febbraio 2019
Articoli correlati

Confagricoltura: da Ue procedura di infrazione per i semafori sul cibo in Gran Bretagna

CREMONA - «Confagricoltura condivide pienamente la decisione della...

Crisi Grana e ritiro forme, Fava al ministro: assurdo non poter usare fondi Psr

Fava: «La UE vuole togliere 448 milioni alla Pac, il governo italiano eviti questa rapina»

Lombardia, Fava: si devono aggregare le imprese per avere vantaggi nei finanziamenti della UE

MANTOVA - «Un anno...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Piacenza
Il Valtidone wine fest all'ultima tappa con le bollicine, presenze in crescita e diretta di Rete 4
foto articolo newsageagro
Bologna
Il ministro Bellanova punta sul biologico, FederBio: «Pronti a collaborare»
foto articolo newsageagro
Rimini
Sigep, le grandi sfide del dolciario con il top di gelateria, panetteria e pasticceria
foto articolo newsageagro
Milano
Il Bitto simbolo della montagna lombarda e dei suoi valori, vetrina con le Olimpiadi invernali

Seguici su Facebook