Agroalimentare

foto articolo newsageagro

Lotta allo spreco di cibo, accordo tra Regione Lombardia e Federdistribuzione


MILANO - «La firma di questo protocollo tra Regione Lombardia e Federdistribuzione rappresenta un ulteriore passo avanti nel contrasto allo spreco alimentare, un vero e proprio paradosso delle economie moderne». Lo ha detto, oggi 10 novembre a Palazzo Lombardia, l'assessore all'Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile di Regione Lombardia, Claudia Terzi, in occasione della presentazione del progetto Life 'Food.Waste.StandUp' e la firma del protocollo d'Intesa tra Regione Lombardia e Federdistribuzione, presente con il presidente Giovanni Cobolli Gigli.

 

I NUMERI DELLO SPRECO «Per dare l'idea del fenomeno - ha ricordato Terzi - basti pensare che il valore economico del cibo sprecato solo in Italia ammonta a 12 miliardi di euro/anno, in aumento secondo i dati diffusi dal Codacons la scorsa settimana. Nel corso del 2017 ogni singola famiglia italiana avrà gettato in media nella spazzatura circa 500 euro di alimenti. Ma lo spreco in ambito alimentare - ha fatto presente - coinvolge anche industria, agricoltura, e distribuzione, portando il conto finale a oltre 15 miliardi di euro: lo 0,94 per cento del Pil che ogni anno finisce letteralmente nella spazzatura comportando effetti nefasti non solo sull'economia, ma anche sull'ambiente, in termini di emissioni globali di gas serra. Si stima che il cibo sprecato ogni anno nel mondo è responsabile dell'immissione in atmosfera di circa 3,3 miliardi di tonnellate di CO2 equivalente (CO2eq)».

 

LE AZIONI CONTRO LO SPRECO «Proprio nell'ottica di contrastare questo fenomeno - ha chiosato Terzi - Regione Lombardia negli ultimi anni ha promosso molteplici attività, ne cito due su tutte: l'attivazione di un Tavolo permanente sull'educazione ambientale, in collaborazione con l'Ufficio scolastico regionale della Lombardia, e in occasione di Expo2015, il progetto “Reti territoriali virtuose contro le spreco alimentare”, in collaborazione con la GDO e associazioni per devolvere alle persone in difficoltà i prodotti alimentari in eccedenza in seguito al quale, in 12 mesi, abbiamo distribuito 1.661.000 pasti».

 

PROTOCOLLO D'INTESA E OBIETTIVI «Il Protocollo d'intesa sottoscritto oggi - ha concluso Terzi - rinnovabile e di durata biennale, promuove la collaborazione tra i soggetti firmatari, in primis tra Regione Lombardia e Federdistribuzione, con la finalità di promuovere forme di sostegno a persone indigenti, attraverso il recupero e la donazione delle eccedenze alimentari a enti assistenziali e caritativi; promuovere la riduzione in proporzione dei quantitativi di rifiuti prodotti e, di conseguenza, i relativi costi economici, sociali ed ambientali di smaltimento degli stessi; proporre meccanismi premiali (tra cui la riduzione della tariffa comunale sui rifiuti) a favore degli operatori economici che donano le proprie eccedenze, anziché destinarle a rifiuto; diffondere la cultura dell'importanza di ridurre lo spreco alimentare; comunicare e divulgare i risultati e le best practices che ne deriveranno».

 

(sotto, da sinistra Terzi e Cobolli Gigli)


10 novembre 2017
Articoli correlati

Bergamo, a GourmArte in tavola anche i vini della Valtellina e della Franciacorta

Lo storico capitano dell'Inter Zanetti nella squadra degli ambasciatori di Expo

Osservatorio Agri&Food: calo produzione Parmigiano e soluzioni post quote latte

 CREMONA - E' stato pubblicato...

Brescia, da San Valentino in commercio il primo Chiaretto del Consorzio Valtènesi

BRESCIA - Il 2015 del Consorzio Valtènesi comincia sotto il segno del...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Piacenza
Crescono gli spazi e i vignaioli al mercato "Fivi" di Piacenza
foto articolo newsageagro
Torino
«Su tutto il territorio nazionale una filiera certificata della carne selvatica»
foto articolo newsageagro
Torino
Slow Food: «L’etichetta deve raccontare il prezzo delle materie prime»
foto articolo newsageagro
Cremona
Medicine per animali, in Italia vendite calate del 30% in 6 anni

Seguici su Facebook