Agricoltura

foto articolo newsageagro

Lupi in Veneto, danni per 168mila euro: «Serve un piano di gestione di questi predatori»


VENEZIA - Nel 2018 il lupo in Veneto ha ucciso 400 capi di bestiame e ne ha feriti 50. Le prede preferite sono state pecore e capre (282 capi tra morti e feriti), seguiti dai bovini (125 capi tra morti e feriti) e dagli asini (33 capi). Altri 125 capi risultano dispersi a causa degli assalti del grande predatore. Complessivamente nel 2018 sono stati accertati 196 eventi di predazione da lupo; nel 2017 erano state 176. È quanto emerge dal documento di sintesi dei dati riepilogativi sugli accertamenti di predazione e sugli indennizzi erogati dalla Regione Veneto per predazioni da grandi carnivori nell’anno 2018, di prossima pubblicazione sul BUR.

 

I DANNI Il valore economico delle predazioni accertate nel 2018 e avviate a liquidazione ammonta a 168.047 euro: per il 66 per cento dei casi il danno quantificato è inferiore ai mille euro; per il 28,4% si attesta tra i mille e i 2 mila euro; nel 5,3 per cento dei casi supera i 2 mila euro. I territori provinciali più colpiti sono quelli di Vicenza e Verona, rispettivamente con 91 e 48 eventi di predazione accertati, seguiti da Belluno con 46 e Treviso con 11. Agli allevatori vicentini sono stati riconosciuti 87 mila euro di indennizzi tra danni diretti e indiretti, a quelli veronesi poco più di 37 mila euro, ai bellunesi circa 28 mila euro e ai trevigiani 5.100 euro. 

 

INDENNIZZI «A quasi tutte le istanze pervenute la Regione ha assicurato un indennizzo certo. Rispetto agli anni scorsi - commenta l’assessore regionale all’Agricoltura, Giuseppe Pan - abbiamo cercato di accelerare al massimo le istruttorie di accertamento, quantificazione del danno e liquidazione risarcitoria, dando esecuzione a tutte le pratiche in corso. Ma l’azione riparativa della Regione nei confronti dei danni subiti dagli allevatori rappresenta solo una risposta parziale e insufficiente al problema della difficile convivenza tra la presenza predatoria di un grande carnivoro, come il lupo, e le produzioni».

 

TAVOLO SULLA GESTIONE DEL LUPO «Ho inviato al ministro per l’Ambiente e ai colleghi della Commissione per le politiche agricole della Conferenza delle Regioni il riepilogo delle predazioni accertate negli ultimi due anni in Veneto e dei danni liquidati dalla Regione - spiega Pan - per tornare a sollecitare la riapertura del confronto nazionale sul piano di gestione della presenza del lupo, in particolare nelle aree in quota tradizionalmente vocate alla pastorizia e all’allevamento. L’incremento del numero di attacchi e dei valori economici delle perdite subite deve imporre una rivisitazione complessiva delle strategie di prevenzione e contenimento della presenza del lupo, almeno nelle aree antropizzate e ad alta densità di allevamento».


08 marzo 2019
Articoli correlati

"Dal mare alla piazza", una tre giorni a Padova per valorizzare le specie ittiche

'Dal mare alla piazza' è il progetto di promozione e valorizzazione delle specie...

Montello e Colli Asolani: bando regionale di 250mila euro per aree rurali e agriturismo

La Giunta regionale del Veneto, su iniziativa dell'assessore all'Agricoltura Franco...

Legname e sfruttamento biomasse: prorogati i termini per conclusione interventi finanziati da Psr

 Sono stati prorogati di 6 mesi, cioè al 10 aprile 2014, i...

Pesca, tutela patrimonio ittico: entro novembre bandi regionali per 700mila euro

Per la realizzazione di progetti di tutela del patrimonio ittico autoctono delle acque...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Bologna
Bologna, 3 giugno: Il Sistema agroalimentare dell'Emilia Romagna e il rapporto 2018
foto articolo newsageagro
Asti
Le bollicine dell'Asti Doc sposano la pasticceria al congresso internazionale a Milano
foto articolo newsageagro
Bari
Bari, il 10 giugno il Salone dei vini e degli oli del Sud: oltre 110 cantine al Castello di Sannicandro
foto articolo newsageagro
Mantova
Mantova Food&Science festival, convegno di Landini il 18 maggio: al centro il precision farming

Seguici su Facebook