Enogastronomia

foto articolo newsageagro

Gutturnio, nel 2017 la Cantina Valtidone ha messo in commercio oltre 2 milioni di bottiglie


PIACENZA - Sono più di due milioni e 100 mila le bottiglie di Gutturnio prodotte e commercializzate da Cantina Valtidone nel corso del 2017, con un incremento di oltre il 10% rispetto all’anno precedente. Il dato riguarda tutti i tipi di gutturnio che l’azienda vitivinicola valtidonese produce con le uve dei suoi 220 soci, dal frizzante al fermo fino al superiore e al riserva e per le bottiglie tradizionali da 0,75 cl. «È un risultato impressionante – commentano in Cantina – che inorgoglisce dal nostro punto di vista perché testimonia una crescita costante della nostra produzione, qualitativa e quantitativa. Negli ultimi due anni abbiamo introdotto la nuova linea 50 Vendemmie che comprende anche un Gutturnio in versione frizzante e uno in versione ferma, entrambi capaci di conquistare il favore del pubblico e degli addetti ai lavori. Nell’ultimo periodo del 2017, inoltre, abbiamo inaugurato la nostra prima linea di vino biologico e vegano, Bio’ Valtidone, che presenta anche un gutturnio frizzante tra le sue referenze. Senza dimenticare i nostri Gutturnio “storici”, come il Julius, il Caesar Augustus e il Bollo Rosso Riserva che sono sempre molto apprezzati».

 

IL GUTTURNIO E’ IL 14ESIMO VINO PIU’ VENDUTO IN ITALIA - L’incremento delle tipologie di gutturnio proposte dalla cantina borgonovese è sicuramente uno dei motivi del record di bottiglie vendute nel 2017, ma non l’unico. Il Gutturnio, infatti, vino tipico piacentino che nasce da uve di barbera e bonarda, sta registrando negli ultimi anni un deciso innalzamento nel gradimento dei consumatori. Da una ricerca IRI commissionata da Vinitaly nella primavera del 2017, il Gutturnio si piazzava infatti al 14° posto tra i vini più venduti in Italia, con una crescita annua del 7%. «Il Gutturnio si sta imponendo sul mercato e questo non può che fare piacere, perché pensiamo possa essere anche un veicolo di promozione del territorio, essendo inscindibile il rapporto tra questo vino e il piacentino. Siamo orgogliosi di aver contribuito con le nostre 2 milioni e 100 mila bottiglie vendute nel 2017 al deciso aumento della diffusione di questo vino, capace di abbinarsi a tutto pasto, dai salumi ai primi piatti della tradizione culinaria piacentina, fino alle carni alla griglia, ai bolliti, agli arrosti o ai brasati, diventando un must sulle tavole degli italiani».


07 febbraio 2018
Articoli correlati

Dati Istat: commercio giú, male gli alimentari

Secondo i dati resi noti oggi dall'Istat, le vendite al dettaglio a novembre...

Lombardia ritorna il sale d'oca

Vino biologico, controllato e verificato

 La differenza sostanziale tra 'vino naturale' e 'vino biologico' sta nel fatto...

Lombardia, accordo per le trote nelle mense scolastiche di Milano

 La trota lombarda incontrerà il gusto dei bambini di Milano? Non è una...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Bologna
Allevamenti, su castrazione e taglio della coda il dibattito rimane vivo
foto articolo newsageagro
Roma
Assemblea Cia, le richieste alla politica: «Innovare e semplificare per l'agricoltura del futuro»
foto articolo newsageagro
Treviso
Verso Gourmandia 2018: dibattiti, degustazioni e cibo nel nome della ricerca
foto articolo newsageagro
Brescia
Brescia, convegno e degustazione: riscoprire la carne rossa (abbinata al buon vino) e il ruolo del macellaio

Seguici su Facebook