Agricoltura

foto articolo newsageagro

Parlamento Ue: proteggere le api riducendo i pesticidi e fondi per studiare le cause della diminuzione


ROMA - I deputati del Parlamento europeo chiedono alla Commissione di rafforzare la sua iniziativa per gli impollinatori e di proporre nuove misure per proteggere api e gli altri insetti. Secondo i parlamentari, l’iniziativa UE sugli impollinatori per salvare api, farfalle e altri insetti è insufficiente. Sono necessari un programma d'azione e misure più orientate a proteggere gli impollinatori e va resa obbligatoria la riduzione nell’uso di pesticidi.

 

LE CAUSE In una risoluzione approvata il 18 dicembre, il Parlamento sottolinea che l'Iniziativa dell'UE per gli impollinatori, nella sua forma attuale, non affronta in maniera sufficiente le numerose cause della diminuzione degli impollinatori, che comprendono i cambiamenti nell'uso del suolo, le pratiche di gestione agricola intensiva, l'inquinamento ambientale, i cambiamenti climatici e le specie esotiche invasive. Dal momento che gli impollinatori sono una componente essenziale della biodiversità e sono indispensabili per la riproduzione della maggioranza delle specie vegetali, i deputati chiedono alla Commissione di trasformare le intenzioni contenute nell'Iniziativa in un programma di azione su vasta scala per gli impollinatori, dotato di risorse sufficienti.

 

RIDURRE L’USO DI PESTICIDI Per favorire l’aumento della qualità degli habitat degli impollinatori sui terreni agricoli, la riduzione dell'utilizzo di pesticidi e fertilizzanti minerali dovrebbe diventare un obiettivo chiave della futura Politica Agricola Comune (PAC). Inoltre, i deputati chiedono obiettivi di riduzione obbligatori in tutta l'UE, da includere nella prossima revisione della direttiva sull'utilizzo sostenibile dei pesticidi. Infine, il Parlamento chiede maggiori fondi per sostenere la ricerca sulle cause della diminuzione degli impollinatori, al fine di proteggere la diversità delle specie. Infine, il Parlamento chiede maggiori fondi per sostenere la ricerca sulle cause della diminuzione degli impollinatori, al fine di proteggere la diversità delle specie. La risoluzione è stata approvata per alzata di mano.

 

LA STORIA Ad aprile 2018 l'UE ha deciso di vietare completamente l'uso, in ambienti esterni, di imidacloprid, clothianidin e tiametoxam, noti come neonicotinoidi. Tuttavia, vari Stati membri hanno notificato delle esenzioni di emergenza per il loro uso sul territorio. Dopo gli appelli di Parlamento e Consiglio ad agire per proteggere le api e gli altri impollinatori, il 1° giugno 2018 la Commissione ha presentato la sua Comunicazione sull'Iniziativa dell'UE per gli impollinatori. Secondo la Commissione, circa l'84% delle specie coltivate e il 78% delle specie di fiori selvatici nella sola UE dipendono, almeno in parte, dall'impollinazione animale. Fino a quasi 15 miliardi di euro della produzione agricola annuale dell'UE sono direttamente attribuiti agli insetti impollinatori.

 

(foto gisimage)


19 dicembre 2019
Articoli correlati

Confagricoltura: da Ue procedura di infrazione per i semafori sul cibo in Gran Bretagna

CREMONA - «Confagricoltura condivide pienamente la decisione della...

Crisi Grana e ritiro forme, Fava al ministro: assurdo non poter usare fondi Psr

Fava: «La UE vuole togliere 448 milioni alla Pac, il governo italiano eviti questa rapina»

Lombardia, Fava: si devono aggregare le imprese per avere vantaggi nei finanziamenti della UE

MANTOVA - «Un anno...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Modena
Il marchio McCormick per potenza e tecnologia star all’ottavo CT Day
foto articolo newsageagro
Piacenza
Biostimolanti, incontro a Confagricoltura Piacenza: potenzialità e applicazioni
foto articolo newsageagro
Bari
Oli e vini del Meridione, aperte le iscrizioni a Radici del Sud
foto articolo newsageagro
Rimini
Macfrut 2020, tour guidati sui biostimolanti per garantire difese alle produzioni

Seguici su Facebook