Zootecnia

foto articolo newsageagro

Parma, torna l'asta delle bovine del comprensorio del Parmigiano


PARMA - Torna l’appuntamento autunnale dell’Asta delle bovine nate e allevate nel Comprensorio del Parmigiano Reggiano organizzata dall’Associazione regionale allevatori dell’Emilia Romagna in collaborazione con il Consorzio agrario provinciale di Parma, che il 16 novembre prossimo, a partire dalle 10, ospiterà l’evento nell’area della stalla dell’ex Centro Tori in via Jones Melvin 15, a Parma. Un appuntamento iniziato un paio di anni fa e che è ormai diventato una consuetudine non solo per gli allevatori che producono per il Parmigiano Reggiano, ma anche per i tecnici e gli operatori del settore che possono sfruttare un’occasione di incontro e confronto professionale.

 

SCRUPOLO NELLE ANALISI Saranno una trentina le bovine, tutte in lattazione e di razza Frisona e Bruna, che sfileranno nel ring accomunate da un unico comun denominatore: l’elevato valore genetico e il perfetto stato sanitario, determinato soprattutto dai rigorosi controlli a cui ognuna di esse verrà sottoposta per poter partecipare all’Asta. «Oggi più che mai l’eccellente condizione sanitaria  del bestiame deve essere garantito - spiega il presidente di Araer, Maurizio Garlappi - e noi siamo orgogliosi di poter affermare che i servizi offerti e i tecnici messi in campo da Araer sono assolutamente in grado di assicurare il rispetto scrupoloso delle analisi previste, tant’è vero che il Regolamento redatto per partecipare all’Asta dedica un accurato  elenco di requisiti da rispettare per l’ammissione. In questo scenario, la gestione del farmaco e di conseguenza l’asciutta selettiva delle bovine rappresentano due inscindibili capisaldi su cui Araer sta lavorando per fornire agli associati un servizio sempre puntuale e competente a sostegno della loro professionalità».

 

VALORE GENETICO Il continuo dinamismo a cui il mondo allevatoriale è chiamato non può prescindere dal radicamento alle tradizioni. «L’Asta delle bovine rientra in questo contesto - sottolinea Claudio Bovo, direttore di Araer - perché favorisce quel confronto tra allevatori di cui spesso si è sentita la mancanza. All’aspetto legato a un passato che sta tornando di grande attualità, dobbiamo unire l’innovazione tecnico-scientifica che ci permette di presentare animali non solo iscritti al Libro Genealogico, ma caratterizzati soprattutto da un elevato valore genetico e da un altrettanto ineccepibile stato sanitario, certificato dalle scrupolose analisi a cui, come ricordava il presidente Garlappi, tutti i soggetti partecipanti all’Asta devono sottostare».

 

IL CONSORZIO L’Asta delle bovine nate e allevate all’interno del Comprensorio del Parmigiano Reggiano rappresenta un fiore all’occhiello anche per il Consorzio agrario provinciale di Parma che, come afferma il suo presidente, Giorgio Grenzi, «costituisce un’iniziativa in cui noi crediamo molto e che fin dalla sua prima edizione ha saputo attrarre un pubblico di allevatori e operatori sempre numeroso e competente. Anche questo tipo di rassegne contribuisce alla crescita professionale degli allevatori, soprattutto in momenti in cui oltre alla qualità produttiva occorre trasmettere informazioni corrette, rispondere alle esigenze del mercato, mantenere alto il livello della competitività».

 

L'ASTA Anche in questa occasione, le bovine verranno battute all’Asta da uno dei più conosciuti battitori, Pier Paolo Pradi, che non mancherà di animare con competenza la kermesse. Come nelle passate edizioni le bovine saranno valutate dai tecnici Araer che dovranno esprimersi sulle caratteristiche morfologiche di ogni soggetto. Dopo la mungitura della sera di venerdì 15 novembre, quando le bovine verranno ricoverate nella Stalla del Consorzio, si procederà alle analisi di routine sul latte per stabilire i livelli di grasso, proteine, lattosio, inibenti e cellule somatiche. La mattina dopo, prima della sfilata, ogni bovina verrà sottoposta alle rituali operazioni di toelettatura per mettere in mostra le sue migliori caratteristiche morfologiche.


11 novembre 2019
Articoli correlati

Pianeta Nutrizione, gli integratori multivitaminici prevengono le patologie croniche

“Pianeta Nutrizione & Integrazione”, in programma alle Fiere...

Apre a Parma "Pianeta nutrizione & integrazione", tanti convegni scientifici

Giovedì 16 maggio prende il via la quarta edizione di "Pianeta Nutrizione &...

Cavour, la carne piemontese, e la filiera bovina, in vetrina con due giorni di festa

La vetrina in un week-end, la rassegna tutto l'anno. Perché Carne Piemontese va oltre la...

Fino a domenica "Varese orchidee", rassegna internazionale della bellezza

Prima giornata e subito grande interesse da parte di visitatori ed esperti per "Varese...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Piacenza
Biostimolanti, incontro a Confagricoltura Piacenza: potenzialità e applicazioni
foto articolo newsageagro
Bari
Oli e vini del Meridione, aperte le iscrizioni a Radici del Sud
foto articolo newsageagro
Rimini
Macfrut 2020, tour guidati sui biostimolanti per garantire difese alle produzioni
foto articolo newsageagro
Brescia
La nutrizione ela gestione della riproduzione nel suino, convegno a Brescia

Seguici su Facebook