Latte

foto articolo newsageagro

Parma, trattative sul prezzo interrotte: Confagricoltura e Cia accusano industria e artigiani


PARMA - Si è bruscamente interrotta la trattativa sulla definizione del nuovo Protocollo d’intesa per la determinazione del prezzo del latte ad uso industriale nella provincia di Parma tra rappresentanti delle organizzazioni agricole, da una parte, ed industriali ed artigiani trasformatori, dall’altra. Confagricoltura Parma e Cia-Confederazione italiana agricoltori di Parma con una lettera congiunta hanno invitato le associazioni industriali a mantenere aperte le trattative, in quanto fortemente interessate a proseguire un dialogo costruttivo con i trasformatori del latte del Parmense.

 

DOPPIO PREZZO L’interruzione della trattativa ha portato alla determinazione di due prezzi del latte con riferimento al secondo quadrimestre 2016 nella provincia di Parma: uno a quota 56,848 euro il quintale tra Confagricoltura e Cia di Parma ed industriali ed artigiani trasformatori ed uno a quota 57,50 euro il quintale tra gli stessi industriali ed artigiani trasformatori e Coldiretti Parma, l’unica delle tre associazioni che ha accettato di sottoscrivere il nuovo Protocollo d’intesa, «fortemente penalizzante per la parte agricola».

«Riteniamo sconveniente - si legge in una nota di Confagricoltura e Cia - il fatto che sia stato individuato un importo diversificato, in base all’associazione di appartenenza, aspetto non previsto dal precedente Protocollo ancora valido per la determinazione del prezzo del latte di tutto il 2016 e fatto mai accaduto in passato quando, pur nell’ambito di trattative sempre molto serrate, si è sempre agito in piena correttezza su tutti i fronti, operando secondo un produttivo spirito di squadra nell’interesse di tutto il comparto lattiero-caseario parmense. È doveroso far rilevare che la parte che ha sottoscritto il protocollo rappresenta meno di un terzo della produzione di latte a livello provinciale, sia in termini di numero assoluto di aziende conferenti, sia in termini di quantitativi di latte prodotto».

 

Qualora su tre associazioni ben due non sottoscrivessero il Protocollo, ci si troverebbe di fronte ad un mero contratto tra un’associazione ed un’altra, non certo ad un condiviso protocollo d’intesa tra gli attori dell’intero comparto.

 

LE RICHIESTE Le motivazioni che fino ad ora non hanno permesso a Confagricoltura e Cia di Parma di sottoscrivere il protocollo sono:

  • l’inaccettabile istituzione di una nuova Commissione latte al di fuori della Camera di Commercio di Parma, richiesta da industriali e artigiani trasformatori;
  • la resa utilizzata nel calcolo del prezzo che appare oggi antistorica rispetto alla realtà dei fatti;
  • i costi di produzione che non appaiono realistici rispetto al contesto economico e produttivo attuale;
  • la mancanza di certezza negli strumenti di applicazione del protocollo con conseguente indeterminazione dei tempi di pagamento.


10 ottobre 2017
Articoli correlati

Agricoltura modenese in calo del 4,7%, colpa del terremoto e della siccità

Anche l'agricoltura modenese chiude il 2012 in negativo. La perdita è del 4,7% rispetto al...

Sicurezza sul lavoro, Confapi all'Inail: nonostante la crisi la situazione migliora

Si è parlato di sicurezza sul lavoro nell'incontro tra Confapi Emilia Romagna e la...

Danni da predatori, approvati i criteri per l'erogazione dei contributi

"Misure e criteri di erogazione dei contributi da destinare agli allevatori e alle aziende...

Acquacoltura e mitilicoltura: prorogare al 2020 le concessioni demaniali

Prorogare al 2020 le concessioni demaniali marittime per l'acquacoltura e la...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Roma
Va in archivio l'edizione 2017 di "Eima Agrimach", grande evento per i mercati asiatici
foto articolo newsageagro
Pordenone
RIVE a Fiera Pordenone, enologia e viticoltura: salone internazionale, dal vivaismo al commercio
foto articolo newsageagro
Bologna
Eima International, in India presentata l'edizione 2018: crescono visitatori, espositori e incontri d'affari
foto articolo newsageagro
Roma
Eima Agrimach, la rassegna della meccanica agricola al via a New Delhi

Seguici su Facebook