Agricoltura

foto articolo newsageagro

Pomodoro, Confagricoltura: «Produzione a rischio, l'industria riconosca il giusto prezzo»


PARMA - Si è svolto, giovedì 10 gennaio a Parma, uno dei primi incontri del Tavolo agricolo dedicato all’avvio della trattativa per la campagna del pomodoro da industria. «Il quadro che emerge dalla retrospettiva degli ultimi anni - commenta Giovanni Lambertini presidente della sezione di prodotto Pomodoro da industria di Confagricoltura regionale di Confagricoltura Piacenza - è molto buio. Le aziende agricole, quando è andata bene, hanno a mala pena coperto i costi produttivi, anche la scorsa campagna si è chiusa in perdita e gradualmente si va verso un riorientamento delle produzioni destinando minori superfici a ». A confermare il trend anche i dati produttivi che tracciano una progressiva disaffezione alla coltura con un calo, nel 2018, del 6% degli ettari dedicati.

 

LA FILIERA NON REGGERA' «Avanti così e la filiera non reggerà» rimarca Lambertini. A essere sotto scacco uno dei più importanti comparti dell’agroalimentare italiano: a livello nazionale sono stati 61mila gli ettari destinati alla coltura, 4,6 milioni le tonnellate di pomodoro trasformato. Il 50% del pomodoro in Europa si lavora in Italia. Il 14% della produzione mondiale di pomodoro si fa in Italia. L’Emilia-Romagna, anche nel 2018, è stata la regione con la quota più consistente di superfici coltivate a pomodoro da industria pari a 24.140 ettari con Piacenza, 9.962 ettari, capofila.

 

IL PREZZO «Se la trattativa non porterà a un riposizionamento significativo del prezzo alla produzione - nota Lambertini - proseguirà il calo delle superfici dedicate e non si riusciranno a garantire i quantitativi necessari al pieno funzionamento degli stabilimenti di trasformazione. E’ indispensabile rivedere i criteri di contrattazione lungo la filiera, ma soprattutto nei confronti dell’industria». Se si pensa che un piatto abbondante di pasta al pomodoro (considerando un costo medio della pasta di € 1.20/kg e della passata di pomodoro di € 2.00/kg) al consumatore costa 28 centesimi, anche un incremento del 30% del costo della passata non inciderebbe sulla possibilità di garantire un pasto a costi contenuti (rimanendo comunque sotto i 33 centesimi). Per contro, questi cinque centesimi in più rappresenterebbero la sopravvivenza del settore. Se invece, come nel caso delle bietole, anche il pomodoro diventasse coltura marginale nel nostro distretto, si porterebbe al collasso il sistema e non ci sarebbe più, tra qualche anno, il prodotto italiano da mettere in tavola.

 

TABELLE QUALITATIVE «Prima di tutto va riconosciuta alla produzione la giusta marginalità - sottolinea Lambertini - non secondariamente, deve cessare l’uso discriminatorio che si è troppo spesso fatto delle tabelle qualitative divenute uno strumento per cercare di riposizionare i prezzi in funzione dell’andamento stagionale. Dato che tutta la filiera concorda sull’importanza dell’aspetto qualitativo torniamo a chiedere che vengano adottati parametri condivisi chiari, oggettivi ed eventualmente garantiti da enti terzi».

 

(sotto, Giovanni Lambertini)


11 gennaio 2019
Articoli correlati

Creta guarda al Veneto per migliorare la propria agricoltura

 L'isola di Creta guarda all'agricoltura del Veneto per...

Spilamberto, il Palio dell'aceto balsamico premia i suoi campioni

Domenica 23 giugno nell'antica Rocca di Spilamberto (Mo) si tiene il tradizionale Palio di...

Apicoltura Casentinese, una storica azienda va in aiuto di chi è svantaggiato

Dalla Toscana, una notizia che coniuga agricoltura e solidarietà. Apicoltura Casentinese...

Rivista dell'Osservatorio Agri&Food di CremonaFiere: Pac, falsi prosciutti e biometano

CREMONA - E' uscito l'ultimo numero dell'Osservatorio...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Piacenza
Piacenza, seminario di Confagricoltura e Anga sulla concimazione
foto articolo newsageagro
Mantova
Mantova, apre Bovimac: due giorni in fiera sul futuro di bovini da latte, meccanizzazione, energia
foto articolo newsageagro
Rimini
Seminario a Rimini, la zeolite cubana e le coltivazioni biologiche: meno fitofarmaci più difese passive
foto articolo newsageagro
Brescia
Le nuove sfide degli allevatori, seminario di due giorni a Padenghe (Brescia)

Seguici su Facebook