Agricoltura

foto articolo newsageagro

Terremerse, prove in campo alle Giornate cereali: difesa, concimazione, diserbo


RAVENNA - Grande successo di partecipazione per la “Giornata cereali” di Terremerse, che si è tenuta martedì 14 maggio nonostante il maltempo. All'interno del campo sperimentale di San Romualdo, nelle campagne ravennati, oltre 250 persone, in rappresentanza di aziende agricole, fornitori e tecnici provenienti dalle province di Ferrara, Rimini, Pesaro Urbino, Mantova e Terni, oltre che Ravenna, hanno partecipato all'appuntamento, quest'anno arrivato alla 15ª edizione (2004-2019), al fine di visionare i risultati dell’attività di sperimentazione realizzata dalla Ricerca e Sviluppo sulle coltivazioni di grano. Alla giornata hanno portato i saluti il direttore generale di Terremerse, Emilio Sabatini, il direttore Grandi Colture, Augusto Verlicchi e il responsabile della Ricerca e Sviluppo, Gianfranco Pradolesi. Tutta l’attività sperimentale è stata illustrata dal team della Ricerca e Sviluppo guidata da Michele Capriotti.

 

LE PROVE IN CAMPO Le prove di concimazione sono state impostate con lo scopo di valutare l’effetto di differenti strategie di fertilizzanti azotati, fosfo-azotati, solfatici e micro-elementi (rame, zinco, ferro, molibdeno, manganese e boro) nell’incrementare la produzione di granella e nel contempo migliorare le caratteristiche qualitative delle proteine. Nello specifico, una prova ha riguardato i prodotti utilizzabili in agricoltura biologica, effettuata su frumento tenero di forza varietà Metropolis con precessione pomodoro, mentre altre 2 prove sono state effettuate in convenzionale, su frumento tenero panificabile a granella bianca varietà Monnalisa e su frumento duro varietà Nazareno, entrambe con precessione soia. In queste prove, sono state saggiate diverse tesi per mettere a confronto molteplici tecniche di concimazione quali conce al seme, applicazioni localizzate in fase di semina, applicazioni in pieno campo effettuate a mano, simulando uno spandiconcime e applicazioni fogliari. Ogni prova è stata impostata seguendo uno schema a blocchi randomizzati con 4 ripetizioni e all’interno di ognuna è stato messo un testimone in cui non sono stati applicati unità di azoto. Come evidenziato da Federico Cavina, che ha seguito quest'attività sperimentale, in campo è stato possibile osservare un buon lussureggiamento delle tesi concimate, senza particolare differenza tra le parcelle concimate, tranne rispetto i testimoni non fertilizzati.

 

LA DIFESA Le prove di difesa, anch’esse impostate con tutti i crismi sperimentali (blocchi randomizzati con 4 repliche) sono state invece spiegate da Gianfranco Donati. Queste prove sono state eseguite su frumento tenero, varietà A416, per quanto concerne la produzione integrata e varietà Metropolis, per la produzione biologica (entrambi le varietà con precessione a soia). Causa le tardive precipitazioni, alla data della visita, le parcelle risultavano ancora sane, tranne qualche presenza di Septoriosi nei testimoni non trattatati.

 

I CAMPI VARIETALI Denis Bartolini ha invece esposto i campi varietali. Anche quest’anno si sono messe a confronto varietà di tenero, sia a granella rossa sia bianca, con tutte le tipologie molitorie (dai biscottieri, ai panificabili e panificabili superiori, arrivando ai grani di forza) e varietà di frumento duro. Una prima considerazione è stata quella dell’anticipo di stadio fenologico dei duri rispetto ai teneri.

 

DISERBO Sempre Bartolini ha anche mostrato le prove diserbo. Nello specifico è stata impostata una verifica in merito all’efficacia di diverse strategie di diserbo di pre-emergenza e post-emergenza precoce e un’altra sperimentazione relativa il classico diserbo di post-emergenza. Entrambe le attività si sono svolte su frumento tenero, varietà Nazareno, con particolare attenzione all’efficacia su loietto, per quanto concerne le infestanti graminacee.

L’attività sperimentale complessiva terminerà alla raccolta, a cui seguiranno l’analisi dei dati quantitativi (produzione) e qualitativi (peso specifico, proteine, umidità, alveogramma, ecc.). La giornata è stata realizzata con il Patrocinio del Collegio Provinciale dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati della Romagna e la partecipazione all’evento era valida anche come formazione permanente agli iscritti all’albo.

 

(sopra, le prove in campo e, sotto, il campo sperimentale di cereali)


28 maggio 2019
Articoli correlati

Bergamo, a GourmArte in tavola anche i vini della Valtellina e della Franciacorta

Lo storico capitano dell'Inter Zanetti nella squadra degli ambasciatori di Expo

Osservatorio Agri&Food: calo produzione Parmigiano e soluzioni post quote latte

 CREMONA - E' stato pubblicato...

Brescia, da San Valentino in commercio il primo Chiaretto del Consorzio Valtènesi

BRESCIA - Il 2015 del Consorzio Valtènesi comincia sotto il segno del...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Bologna
Il Ministro dell'Agricoltura Teresa Bellanova punta sul biologico. Soddisfazione di FederBio
foto articolo newsageagro
Rimini
Sigep, le grandi sfide del dolciario con il top di gelateria, panetteria e pasticceria
foto articolo newsageagro
Milano
Il Bitto simbolo della montagna lombarda e dei suoi valori, vetrina con le Olimpiadi invernali
foto articolo newsageagro
Milano
Cernobbio, Forum di agricoltura e alimentazione: al centro la svolta green degli italiani

Seguici su Facebook