Agroalimentare

foto articolo newsageagro

Via libera ai dazi Usa, Coldiretti e Regione Lombardia: «Una brutta botta per il Made in Italy»


MILANO - Arrivano da Lombardia ed Emilia Romagna i primi commenti sulla decisione del Wto (Organizzazione mondiale del commercio) che autorizza gli Usa a imporre dazi all'Europa per 7,5 miliardi.

 

LOMBARDIA «Una brutta, bruttissima botta per il sistema agricolo e agroalimentare della Lombardia e più in geneale dell'intero Paese. Penso, solo per fare un esempio concreto, al Grana Padano, il prodotto Dop più consumato del mondo, che rischia di perdere circa 270 milioni di euro all'anno». Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana. «Il Governo e l'Unione Europea - ha aggiunto - devono affrontare con urgenza la questione. Le ripercussioni economiche per diversi settori produttivi rischia di essere devastante».

 

COLDIRETTI L’Italia rischia di pagare un conto di oltre un miliardo per il via libera del WTO all’ aumento delle tariffe all’importazioni fino al 100% del valore attuale che potrebbe colpire per circa la metà dell’importo il cibo ma anche la moda, i materiali da costruzione, i metalli, le moto e la cosmetica se gli Stati Uniti decideranno di mantenere le stesse priorità della black list indicata dal Dipartimento del Commercio statunitense (USTR) e pubblicata nel Registro Federale. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti in riferimento al Verdetto del Wto che ha autorizzato dazi Usa nei confronti dei Paesi Europei per un ammontare di 7,5 miliardi di dollari nell’ambito della disputa nel settore aereonautico che coinvolge l’americana Boeing e l’europea Airbus.

 

AGROALIMENTARE DANNEGGIATO «Un importo che - afferma la Coldiretti - è pari a 1/3 dei 21 miliardi minacciati inizialmente dagli Stati Uniti che ora devono avviare la procedura con la pubblicazione già ad ottobre nel registro Federale la nuova lista di prodotti europei da colpire con aumenti di tariffe fino al 100%.  Se saranno mantenute le stesse priorità, l’Italia potrebbe essere dopo la Francia il Paese più colpito e a pagare il conto più salato rischia di essere proprio l’agroalimentare con vini, formaggi, salumi, pasta, olio extravergine di oliva, agrumi, olive, uva, marmellate, succhi di frutta, pesche e pere in scatola, acqua, superalcolici e caffè. In pericolo sono soprattutto i formaggi per le pressioni della lobby dell’industria casearia Usa (CCFN) che ha addirittura scritto al presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per chiedere di imporre dazi alle importazioni di formaggi europei al fine di favorire l’industria del falso Made in Italy che ha avuto una crescita esponenziale negli ultimi 30 anni dal Wisconsin alla California fino allo Stato di New York».

 

COSA ACCADREBBE Quello americano è, dopo la Germania, il secondo mercato estero per Parmigiano Reggiano e Grana Padano «per i quali - rileva Coldiretti - la tassa passerebbe da 2,15 dollari a 15 dollari al kg, facendo alzare il prezzo al consumo fino a 60 dollari al kg. Ad un simile aumento corrisponderà inevitabilmente un crollo dei consumi stimato nell’80-90% del totale, secondo il Consorzio del Parmigiano Reggiano. Ma il re dei formaggi non è il solo simbolo del Made in Italy a tavola vittima della manovra di Trump. Un altro esempio è rappresentato - spiega Coldiretti - dalla Mozzarella di Bufala Campana Dop che negli Usa costa 41,3 euro al chilo, che salirebbe a 82,6 euro al chilo nel caso fossero applicati dazi pari al 100% del prodotto. Attualmente il dazio sulla mozzarella è di 2 euro al chilo. Per l’olio extravergine d'oliva venduto negli States il prezzo salirebbe da 12,38 euro al litro a 24,77 euro al chilo (attualmente non c'è dazio sull'olio). E pure la pasta aumenterebbe sulle tavole americane a 3,75 euro al kg rispetto agli attuali 2,75 euro al kg. Per penne e spaghetti il dazio è in media di 6 centesimi al kg».

 

VINO IN PERICOLO E in pericolo c’è pure il Prosecco, il vino italiano più esportato all’estero che ha visto gli Stati Uniti diventare nel primo semestre del 2019 il principale mercato davanti alla Gran Bretagna, grazie a un aumento in valore del 41%. «Il prezzo negli States volerebbe da 10-15 euro a bottiglia a 20-30 euro a bottiglia. In gioco - conclude la Coldiretti - ci sono dunque settori di punta dell’agroalimentare nazionale in Usa a partire dal vino che con un valore delle esportazioni di 1,5 miliardi di euro nel 2018 è il prodotto Made in Italy più colpito, l’olio di oliva le cui esportazioni nel 2018 sono state pari a 436 milioni, la pasta con 305 milioni, formaggi con 273 milioni, secondo lo studio della Coldiretti».

 

(foto gisimage)


02 ottobre 2019
Articoli correlati

Lombardia, Stati Generali del Commercio; allo studio testo unico per nuove forme di vendita

'Regione Lombardia  ha sempre lavorato insieme agli operatori del...

Lombardia, Regione: pubblicati gli atti degli Stati Generali del Commercio

Sono stati pubblicati gli Atti ufficiali dei due Stati Generali dedicati, rispettivamente,...

I discount vendono più frutta e verdura, ma calano le famiglie acquirenti

Il report di maggio 2013 dell'Osservatorio dei Consumi ortofrutticoli delle famiglie...

Negoziato commerciale USA-UE, De Castro ottimista: rivedere dazi che limitano agroalimentare

CRMONA - De Castro si dice ottimista sul negoziato commerciale che si sta sviluppando tra...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Cremona
Qualità del latte e accesso alla nuova Pac, convegno della Cia alle Fiere di Cremona
foto articolo newsageagro
Cremona
Fiere di Cremona nel nome di sostenibilità, innovazione e difesa del Made in Italy
foto articolo newsageagro
Bologna
All'insegna dei conigli più belli, Piacenza ospita la Mostra Cunicola Interregionale
foto articolo newsageagro
Bari
Parte Agrilevante, meccanizzazione e zootecnia nella fiera strategica del Mediterraneo

Seguici su Facebook