Commercio

foto articolo newsageagro

A Bionenergy Fiera il riutilizzo degli scarti propsettive per recupero


"In Italia, ogni anno, si producono una media di 12milioni di tonnellate di scarti agroindustriali. Solo la frazione organica arriva a 9 milioni. Il loro riutilizzo, che li colloca nella categoria dei sottoprodotti e non dei rifiuti, deve essere visto come un valore aggiunto di notevole interesse". Così Fabrizio Adani, responsabile scientifico del Gruppo Ricicla, Di.Pro.Ve (Dipartimento produzione vegetale, facoltà di Agraria) dell'Università di Milano, che il prossimo 28 febbraio, nell'ambito del ricco calendario convegnistico organizzato per la terza edizione di Bioenergy Italy, figurerà tra i relatori al terzo Food Bioenergy dal titolo "L'utilizzo degli scarti della lavorazione agroindustriale per fini energetici, per la produzione di nuove materie prime e/o di ingredienti".
"Allo stato attuale ­ spiega il docente universitario ­ non esiste un mercato consolidato per il riutilizzo di questi scarti. Esistono però aziende che stanno lavorando, con notevole lungimiranza, per perfezionare un'attività di recupero finalizzata a ottenere molecole ad alto valore aggiunto. Un'attività che, senza ombra di dubbio, sia per il mondo agroindustriale che agricolo può tradursi in una interessante opportunità di supporto al reddito".

Attualmente questo tipo di scarti viene perlopiù convogliata nella produzione di biogas e/o in quella del compost da distribuire sui terreni come ammendante organico. "Grazie agli studi condotti e alle innovative tecnologie oggi disponibili ­ prosegue Adani ­ è possibile estrarre molecole ad elevato valore aggiunto come polifenoli, carboidrati, omega 3, omega 6, pigmenti che possono essere utilizzati nella produzione alimentare, farmaceutica, cosmetica a cui questo mercato di riferimento guarda con sempre maggiore interesse".

Tanto per citarne alcuni, nell'elenco degli scarti agroindustriali vanno menzionate tra gli altri le buccette di pomodoro, il pastazzo d'agrume, le vinacce, gli scarti derivanti dall'olivicoltura, le acque di vegetazione. "Se fino a poco tempo fa chi si occupava di scarti lo faceva solo pensando di trattare dei semplici rifiuti, e quindi l'obiettivo era quello di disfarsene pur nel rispetto delle normative vigenti ­ argomenta ancora Adani ­ oggi la prospettiva sta cambiando e la finalità diventa quella di valorizzarli al meglio".

 


30 gennaio 2013
Articoli correlati

Centro Agroalimentare di Bologna attira Usa e Francia

Il Caab, Centro Agro-alimentare di Bologna, impostato sulla sostenibilita' nella visione...

Lombardia, a Fiera Bioenergyitaly si studiano nuovi sistemi di fertilizzanti

Tra le deiezioni animali utilizzate nella digestione anaerobica per la produzione di...

Lombardia, Bioenergie: un incontro a Cremona organizzato da "La Fabbrica della Bioenergia"; sarà presentato anche un portale

'Indicazioni tecnico-operative per biogas e sottoprodotti': è questo il tema del...

Lombardia, premi di Legambiente per le aziende a BioEnergyItaly di Cremona

La Masseria del Duca  di Taranto per i biogas.  L'azienda toscana...

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Piacenza
Piacenza, i Georgofili alla Cattolica per conoscere le produzioni lattiero-casearie
foto articolo newsageagro
Cremona
Giornata suinicoltura, resistenza agli antibiotici per garantire anche il reddito
foto articolo newsageagro
Bologna
Convegno sulla Romagnola: «E' carne al top, ma va comunicata e promossa meglio»
foto articolo newsageagro
Piacenza
Piacenza, arriva Gola Gola Festival: dal sale alla Malvisia passando per pasta e salumi

Seguici su Facebook