Vinitaly

foto articolo newsageagro

A Edolo le giornate zootecniche di ovini e caprini e i formaggi della Val Camonica


Dalla Bionda dell'Adamello alla Saanen, passando per la Camosciata e la pecora di Corteno Golgi: tutte le razze tipiche del territorio camuno in mostra, domenica 7 aprile, a Edolo (Brescia) in una giornata che prevede anche una gara fra i migliori formaggi.
"Una vetrina su un settore che sta conoscendo un forte impulso, nel Bresciano e non solo, soprattutto in forza dell'elevatissimo profilo qualitativo che caratterizza produzioni casearie sempre più gradite ai consumatori". E' forte la convinzione con la quale il presidente dell'Apa di Brescia, Germano Pè, annuncia il ritorno della Mostra ovicaprina di Edolo, nell'ambito delle tradizionali Giornate Zootecniche organizzate con il sostegno di Provincia di Brescia, Comunità Montana di Valle Camonica e Comune di Edolo. Da sempre il leader degli allevatori bresciani è particolarmente vicino ai problemi della montagna, area nella quale l'attività zootecnica assume i contorni di un'attività eroica i cui effetti si ripercuotono beneficamente sull'intera comunità. "L'agricoltura e l'allevamento sono il baluardo contro l'abbandono delle aree di montagna, che come noto può avere effetti disastrosi sul degrado del territorio. Eventi come la mostra di Edolo sono un volano per ridare ossigeno e speranza ad un'economia che ha trovato nella qualità delle produzioni una nuova, incoraggiante prospettiva per il futuro".
 La mostra di Edolo sarà riservata agli esemplari di razza Bionda dell'Adamello (valutazioni alle 9) e prevede concorsi morfologici riservati alle razze caprine Saanen e Camosciata delle Alpi oltre che  uno spazio per gli ovini con il concorso per la Pecora di Corteno (a partire dalle 14.30). Alle 16 le premiazioni che, ad uso e consumo dei più golosi, riguarderanno anche i migliori formaggi prodotti con il latte delle varietà fin qui elencate.
L'evento si propone come importante momento di confronto e bilancio per un settore, quello per l'appunto dell'allevamento caprino, che ha saputo offrire nuovi, importanti sbocchi all'attività zootecnica in montagna: questo grazie non solo alla coraggiosa azione di recupero della Bionda dell'Adamello, razza autoctona quasi scomparsa fino a qualche anno fa, ma anche all'introduzione da parte di alcuni lungimiranti imprenditori di nuove razze da latte cosmopolite quali la Saanen e la Camosciata delle Alpi, caratterizzate da potenzialità produttive molto elevate. Il settore nel Bresciano si sta del resto orientando sempre più alla produzione di latte destinato alla produzione di formaggi tradizionali come ad esempio il Fatulì, che sarà fra le tipologie più apprezzate presenti in concorso.


02 aprile 2013
Articoli correlati

VENETO, GLI ESPERTI DI ANKARA: CONTROLLI OK PRESTO I BOVINI VIVI SUL MERCATO TURCO

La Turchia potrebbe diventare tra non molto un interessante mercato per i  bovini...

Suini, opportunità con gli incentivi europei. Un seminario di EnergEtica a Reggio Emilia

La Rassegna suinicola internazionale giunta alla sua 52esima edizione -...

Veneto, assistenza tecnica specialistica: aperti i termini per il programma Arav

 La Giunta regionale ha approvato l'avviso pubblico rivolto...

Cremona, progetto Eulat: benessere animale e impatto ambientale per produzioni di eccellenza

Ultima ora
StreamingTV
Intervista a Guido Garnero
Fiere ed Eventi

Ultimi eventi
foto articolo newsageagro
Piacenza
Piacenza, i Georgofili alla Cattolica per conoscere le produzioni lattiero-casearie
foto articolo newsageagro
Cremona
Giornata suinicoltura, resistenza agli antibiotici per garantire anche il reddito
foto articolo newsageagro
Bologna
Convegno sulla Romagnola: «E' carne al top, ma va comunicata e promossa meglio»
foto articolo newsageagro
Piacenza
Piacenza, arriva Gola Gola Festival: dal sale alla Malvisia passando per pasta e salumi

Seguici su Facebook